Domenica 18 Aprile19:44:16
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Scuole chiuse: 100 euro forfettari per le famiglie con i figli in didattica a distanza

La decisione dell'amministrazione comunale di Bellaria Igea Marina

Attualità Bellaria Igea Marina | 12:31 - 02 Marzo 2021 Foto di repertorio Foto di repertorio.

Il comune di Bellaria Igea Marina metterà a disposizione un contributo economico per le famiglie con figli frequentanti le scuole elementari, da oggi (martedì 2 marzo) costretti alla didattica a distanza. “In un momento non facile, in cui i nuovi provvedimenti rischiano di complicare ulteriormente tempi, ritmi e convivenza tra scuola, lavoro e vita domestica, intendiamo dare un segnale concreto di vicinanza ai cittadini: siamo consapevoli che questo piccolo aiuto non risolverà i problemi delle nostre famiglie, ma vogliamo dimostrare che il nostro Ente è partecipe dei disagi a cui sono inevitabilmente esposti genitori ed alunni delle scuole primarie”, spiega l'assessore ai Servizi Sociali Flaviana Grillo.

Destinatari, dunque, i nuclei famigliari che accolgono uno o più figli frequentanti le scuole elementari, anche al di fuori del territorio comunale. In un’ottica di sostegno degli stessi, l’amministrazione concederà loro il riconoscimento di un contributo straordinario di 100 euro, che verrà erogato in misura forfettaria.

Gli altri requisiti richiesti per ottenerlo, sono: la residenza nel Comune di Bellaria Igea Marina e l’utilizzo di un periodo di congedo da parte di almeno uno dei genitori, dal 2 al 15 marzo, a conseguenza delle misure previste per la cosiddetta ‘zona arancione scuro’. In alternativa e con riferimento allo stesso periodo, avrà diritto al contributo anche chi assume una terza persona – ad esempio con voucher – per garantire ai figli la permanenza a casa e la frequenza della didattica a distanza. Sarà possibile fare domanda a partire da venerdì 5 marzo, giorno in cui verrà pubblicata sul sito istituzionale www.comune.bellaria-igea-marina.rn.it l’apposita modulistica. Scadenza per presentare le richieste, che non sarà necessario corredare con dichiarazione ISEE, fissata a sabato 20 marzo.

 

< Articolo precedente Articolo successivo >