Marted́ 13 Aprile15:46:10
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

San Leo, i genitori degli alunni dicono no alla didattica a distanza

Pronta una lettera per le autorità, indispensabile la relazione con gli insegnanti e studenti

Attualità San Leo | 07:18 - 02 Marzo 2021 Uno degli striscioni presenti a San Leo Uno degli striscioni presenti a San Leo.

"Io voglio andare a scuola" è il messaggio della protesta che arriva da San Leo, espresso anche in una lettera inviata alle autorità. I genitori degli alunni delle scuole leontine vogliono "sostenere la riapertura delle scuole e la didattica in presenza". Ribadiscono l'importanza della relazione educativa con l'insegnante e la socializzazione con i compagni, entrambe sacrificate se fatte passare dallo schermo di un computer. "Stiamo parlando di bambini che si sono adattati alle regole e sono i primi a rispettarle, in un ambiente dove vengono seguite tutte le indicazioni per il distanziamento e la sicurezza, date dagli organi competenti." dicono in una nota stampa. Ribadiscono che, nella zona di San Leo, non paragonabile "a livello urbanistico-sociale alla bassa valle", "i contagi sono irrilevanti". Inoltre pongono l'accento sul divario digitale che non garantisce i collegamenti nel modo migliore, penalizzando ulteriormente i ragazzi. "Senza la istituzione scuola" conclude la nota "l'istruzione, ridotta a mera trasmissione di nozioni e saperi attraverso uno schermo (laddove e per chi è possibile), viene svuotata dalla sua fondante funzione, quella appunto di permettere il pieno sviluppo della personalità dell'individuo all'interno della comunità." 
Alcuni genitori parteciperanno anche allo sciopero generale di ragazzi e famiglie, non partecipando alle lezioni a distanza.
 

< Articolo precedente Articolo successivo >