Marted́ 13 Aprile18:02:26
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Covid, aumento contagi: "Chiediamo ai cittadini massima responsabilità"

La modificazione del virus ha colpito i bambini. Appello assessore regionale Donini. 'Vaccinazione sanitari quasi conclusa' 

Attualità Emilia Romagna | 13:16 - 01 Marzo 2021 Il centro storico di Rimini Il centro storico di Rimini.

"Ai cittadini chiediamo il massimo senso di responsabilità, perché questo virus non si prende per corrispondenza, non ci può essere rischio zero, perché il rischio aumenta, anche in ragione della mutazione genetica del virus, se i comportamenti non sono improntati alla massima responsabilità". Come è successo più volte durante la prima fase della pandemia, nella primavera scorsa, con l'aumentare dei contagi tornano gli appelli al senso di responsabilità dei cittadini, come quello lanciato questa mattina dall'assessore alla Sanità dell'Emilia-Romagna, Raffaele Donini. "E' importante che in questa vicenda epidemica molto acuta di questi giorni notiamo una diminuzione pressoché totale dei contagi nel personale sanitario e nei degenti della Cra", ha poi sottolineato Donini. "Questo significa che oggi abbiamo ancora di più la possibilità di mettere in campo tutto il nostro potenziale. Di chi in corsia, negli ospedali e nel territorio è impegnato al contrasto della pandemia grazie alla vaccinazione che si è, per il personale sanitario, pressoché conclusa, e i risultati sono molto positivi", ha concluso Donini.

La modificazione del virus ha colpito i bambini

"La vaccinazione è un fattore ulteriore, che possiamo mettere in campo, in questa nuova incursione epidemiologica che dobbiamo assolutamente reggere, senza escludere ulteriori nuovi provvedimenti di contenimento". Lo ha detto l'assessore alla Salute dell'Emilia-Romagna, Raffaele Donini, rispondendo alle domande dei cronisti in videoconferenza. 

"Abbiamo una regione che è passata in arancione da qualche giorno, ma nonostante questo abbiamo convenuto con gli amministratori locali ulteriori misure di contenimento a partire dalla scuola. Capisco che è una situazione molto discussa - ha aggiunto - ma i numeri sulla scrivania del Presidente Bonaccini e dei direttori generali parlano di un raddoppio casi negli ultimi giorni, tanti focolai, e una modificazione genetica del virus che è andata a colpire addirittura i bambini, e su questo era doveroso intervenire", ha spiegato l'assessore. 
 

< Articolo precedente Articolo successivo >