Marted́ 19 Ottobre12:36:28
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Riminese arancione scuro, sindaco Riccione: "fare vaccinazioni a tappeto"

Nuovi sacrifici in vista per i cittadini: "Siano compensati da ristori e vaccini"

Attualità Riccione | 14:36 - 27 Febbraio 2021 Renata Tosi, sindaco di Riccione Renata Tosi, sindaco di Riccione.


Il riminese, come tutta la Romagna,  è destinato a ore a diventare zona arancione scuro. Il sindaco di RIccione Renata Tosi chiede alla regione vaccinazione a tappeto e ristori, "altrimenti arancione scuro o rosso non faranno la differenza, ma peggioreranno solo i disagi delle famiglie e dei lavoratori".

A distanza di dodici mesi, ritorna in pratica il lockdown per i cittadini riminesi, anche se fortunatamente il livello di pressione sugli ospedali è al momento inferiore, rispetto a un anno fa. "Nuove restrizioni senza vaccini e senza controlli sui comportamenti, non hanno senso, ma rischiano di produrre ulteriori disagi nelle comunità e creare nuove fragilità economiche e sociali", ribadisce il primo cittadino della Perla Verde. Che accusa la politica di non aver trovato soluzioni ulteriori alle chiusure: "Noi sindaci non possiamo non renderci conto di questa nuova responsabilità, quella cioè di chiedere nuovi sacrifici ai cittadini. Sacrifici che non si giustificano con una mancanza di posti letto o con una mortalità in crescita. Il percepito delle persone oggi non è quello dell'anno scorso perché la stessa epidemia è cambiata, ma le proposte politiche restano le medesime: restrizioni sugli spostamenti, sulle visite ai parenti, chiusure delle scuole con conseguente ricaduta sull'economia".

La Tosi evidenzia quindi la necessità di privilegiare la Romagna sul fronte vaccinazioni, dirottando più vaccini ai territori in arancione scuro, ma chiede all'amministrazione regionale anche  "indicazioni su nuovi ed eventuali controlli", in quanto è "inutile chiudere senza controllare che le persone non escano di casa se non per i motivi consentiti". Infine, evidenzia Tosi, "dalla Regione mi aspetto che con la nuova ordinanza predisponga un piano di ristori adeguati per le categorie più penalizzate".  

 

< Articolo precedente Articolo successivo >