Sabato 17 Aprile07:56:16
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Richiesta di piccoli prestiti senza busta paga: la guida di Marco Germanò di Prestitimag.it

Esistono delle soluzioni per poter avere un accredito relativamente a piccole somme di denaro

Attualità Nazionale | 07:36 - 27 Febbraio 2021 Richieste prestiti Richieste prestiti.

Richiedere dei piccoli prestiti senza busta paga non è così semplice come possa sembrare, ma neanche impossibile. Esistono delle soluzioni, che ti permetteranno di poter avere un accredito relativamente a piccole somme di denaro, che la banca o gli enti finanziari saranno disposti ad erogarti.
 

Abbiamo chiesto a Marco Germanò, un professionista del settore, esperto in prestiti senza busta paga (per casalinghe e non lavoratori) e responsabile editoriale di Prestitimag.it, di spiegarci nel dettaglio come ottenere piccoli prestiti senza busta paga. Quali sono le tempistiche per ottenere la liquidità? Come posso richiedere questo prestito se non ho un lavoro e quali documenti sono necessari per effettuare la richiesta?
 

Come si possono richiedere piccoli prestiti veloci senza garanzie?
 

Sicuramente affinché le banche o gli enti finanziari, sarebbero disposti ad erogare piccoli prestiti veloci pur senza che tu abbia delle garanzie come la busta paga o un contratto di lavoro a tempo indeterminato, vorranno ulteriori prove che tu possa consolidare il futuro debito.
 

Ecco alcune possibilità e quali garanzie alternative riuscirebbero a garantire sicurezza agli enti finanziari:

Garante: un soggetto di terzi parti (familiare o amico), disposto a comprovare la sua documentazione per prendersi la responsabilità di rimborsare il finanziamento qualora si verificasse una insolvenza.

Ipoteca o pignoramento: spesso attuate su beni immobili di proprietà del soggetto debitore.
 

Tra le due, la prima (anche nota come garanzia personale), è la maggior conveniente in quanto rispetto ad un eventuale ipoteca o pignoramento, i rischi sarebbero minori.>
 

Nel caso fossi costretto ad optare per una garanzia reale, ti suggeriamo di porre molta attenzione alla reale convenienza, soprattutto se si trattasse di piccoli finanziamenti. Oltre al rischio di perdere un proprio immobile, i costi per le spese burocratiche potrebbero esser ben superiori rispetto alla somma di denaro da ottenere.
 

Mini prestito senza garanzie e busta paga: quali soggetti possono richiederlo
 

È indispensabile distinguere e non confondere il mini prestito dal microcredito. Si tratta di due soluzioni differenti tra loro, poiché il microcredito è uno strumento economico che consente l’accesso ai servizi finanziari di coloro che sono in condizioni di emarginazione e povertà.
 

Il mini prestito invece, è quello che ti consente di trovare sul tuo conto corrente, una piccola somma di denaro sottoforma appunto, di finanziamento. Rientrano in tale categoria tutti coloro che non hanno un posto di lavoro fisso, ad esempio inoccupati, casalinghe, disoccupati, precari, liberi professionisti e studenti.
 

Se fossi uno studente, la soluzione alternativa al piccolo prestito sarebbe il finanziamento d’onore. In questo caso si tratterebbe di un prestito finalizzato all’acquisto di libri o rimborso per il master e rette universitarie per concludere il tuo percorso studi.

 

Se invece, fossi un libero professionista in cerca di una somma di denaro, qualora la tua attività imprenditoriale andasse per il meglio, ti basterà presentare le ultime dichiarazioni dei redditi all’ente creditizio competente e attendere la loro valutazione in base alla tua solidità economica.
 

Quanto agli inoccupati, casalinghe, disoccupati e precari, non resta che optare per le garanzie alternative quali, personali o reali.
 

Prestito cambializzato senza garanzie: cosa comporta?
 

Il finanziamento cambializzato rientra tra i possibili prestiti senza busta paga e senza garante, poiché grazie al documento stesso “cambiale”, nonché regolamentato dalla Legge italiana come titolo esecutivo, consentirebbe alla banca di richiedere al debitore, il saldo immediato dell’importo che gli spetta.
 

Nel momento in cui, l’ente creditizio invii una segnalazione del mancato pagamento, il documento cambiale provocherà un pignoramento immediato. In questo modo il bene sarà venduto all’asta affinché potesse esser risarcito il debito.
 

Prestiti in un'ora senza busta paga: tutta la verità
 

Se fossi in cerca di prestiti in un'ora senza busta paga, sappi che nessun istituto finanziario si fiderebbe alla cieca. Quindi, se spulciando su internet trovassi un annuncio allettante di questo genere, sappi che con molta probabilità si tratta di una truffa.
 

L’unica chance sarebbe quella di avere delle solide garanzie alternative, che consentirebbero alla banca o all’ente finanziario di poter ottenere l’intero rimborso e quindi, concederti delle piccole somme di denaro in tempo relativamente brevi.
 

L’iter burocratico dipenderà dalle garanzie che ogni ente creditizio riceverà. Maggior tutela riceveranno le banche, più saranno predisposte ad accreditare il piccolo prestito nel minor tempo possibile: in 24, 48 o 36 ore.
 

Ad influire sulle tempistiche d’erogazione è anche la cifra stessa: mediamente per piccoli finanziamenti si fa riferimento ad importi con minimo 500 fino a massimo 1.000 euro. Meno è la somma da corrisponderti, più veloce sarà l’operazione finanziaria.
 

Hai compreso come richiedere i piccoli prestiti e senza avere una busta paga? Sicuramente la convenienza maggiore è riscontrabile nelle garanzie personali e con un garante che potrà assumersi ogni responsabilità al posto tuo.
 

Inoltre, ti suggeriamo di dare un’occhiata al progetto Fiducia in Comune, nel quale si fa riferimento a dei finanziamenti sociali per abolire gli alti tassi di interesse. Ne avevi mai sentito parlare?
 

< Articolo precedente Articolo successivo >