Giovedý 04 Marzo09:50:14
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Ristoranti aperti di sera in zona gialla, ma anche piscine e palestre: pressing della regione

Dopo gli interventi di Bonaccini, anche l'assessore Corsini chiede di rivedere la normativa 

Attualità Emilia Romagna | 14:28 - 23 Febbraio 2021 Foto di repertorio Foto di repertorio.


Ristoranti aperti di sera, ma anche riapertura di piscine e palestre, nel primo caso con frequenze molto contingentate, nel secondo caso con lezioni individuali. L'assessore al Turismo della regione Andrea Corsini chiede modifiche alla normativa attuale per la zona gialla e nel contempo inasprire le misure nelle aree territoriali in cui c'è maggior rischio. “Potremmo rivedere i protocolli di sicurezza condivisi nei mesi scorsi e renderli più stringenti, proprio perché garantire condizioni di massima sicurezza resta la priorità, e prevedere aperture serali, non solo a mezzogiorno, nella ristorazione, lezioni e attività individuali in palestre e piscine, dove la frequenza potrebbe essere ancor più controllata. Allo stesso modo, devono poter ripartire teatri, cinema, musei e gli spazi culturali e dello spettacolo, sempre con regole rigide di ingresso e presenza", spiega Corsini. Nelle ore scorse il governatore regionale Bonaccini aveva sposato la proposta di Matteo Salvini sull'apertura dei ristoranti a cena nelle zone meno toccate dai contagi, definendola ragionevole: "dove le cose vanno in maniera migliore, dove ci sono meno rischi, si può ragionare sulla apertura nelle ore serali, disponendo controlli più serrati, con l'obiettivo di dare ossigeno a qualche attività".

 

< Articolo precedente Articolo successivo >