Venerd́ 05 Marzo13:30:01
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Novafeltria: spaccio nel parcheggio vicino alla piscina, 38enne arrestato in flagranza

Nell’operazione sono stati sequestrati 300 grammi di coca, 9 grammi di marijuana e mille euro

Cronaca Novafeltria | 11:13 - 23 Febbraio 2021 La droga e il contante sequestrati allo spacciatore valmarecchiese La droga e il contante sequestrati allo spacciatore valmarecchiese.


Smerciava cocaina e marijuana nel parcheggio della piscina di Novafeltria senza preoccuparsi di essere visto né segnalato. Così un pusher 38enne dell'alta Valmarecchia è stato colto in flagranza di reato per spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti e arrestato sul posto.

Da alcuni giorni i militari avevano notato movimenti sospetti in un parcheggio vicino alla piscina di Novafeltria, con un andirivieni di autovetture e persone a piedi, il tutto riconducibile a una presunta attività di spaccio. Grazie poi ad alcune segnalazioni, il sospetto dei carabinieri si è subito convertito in un monitoraggio attento, che ha permesso di beccare il pusher attorno alle 19. Il 38enne era fermo a bordo della sua auto nel solito parcheggio e da lì a poco è stato raggiunto da due ragazzi in auto che hanno intascato la droga, cedendo in cambio del denaro. Quando la scena si è ripetuta una seconda volta, per i militari appostati a debita distanza è scattata la certezza, assieme all'azione. Bloccati lo spacciatore e il secondo acquirente, sono saltate fuori due dosi di cocaina comprata più altre sei dosi e una di marijuana, oltre a denaro contante in banconote da 20 e 50 per un totale di oltre mille euro.

La perquisizione è stata subito estesa all’abitazione dello spacciatore, dove all’interno del garage sono stati trovati altri involucri contenenti oltre 300 grammi di cocaina, 9 grammi totali di marijuana nonché due bilancini di precisione e vario materiale utilizzato per il confezionamento della stessa sostanza, oltre a vari contenitori pieni di sostanza da taglio. Arrestato in flagranza, l'uomo è stato portato al carcere Casetti di Rimini e martedì mattina il giudice, dopo aver convalidato l’arresto, lo ha sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari in attesa del processo che sarà prossimamente celebrato. Per gli altri due giovani trovati in possesso dello stupefacente acquistato, è scattata la segnalazione alla prefettura quali detentori per uso personale.

 

< Articolo precedente Articolo successivo >