Sabato 17 Aprile00:51:10
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Covid, il governatore Bonaccini "Basta con le decisioni dell'ultimo minuto"

L'appello al Corriere della sera: "Come Regioni chiediamo un confronto per la revisione dei parametri"

Attualità Emilia Romagna | 12:02 - 22 Febbraio 2021 Il governatore della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini Il governatore della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini.


Le riaperture - e chiusure - comunicate con poche ore di preavviso, le voci su lockdown nazionali, poi zona arancione nazionale, poi chiusure provinciali che si accavallano, le indiscrezioni che non sono indiscrezioni ma ipotesi, non ancora confermate. E la confusione che regna sovrana, fra i cittadini e perfino all'interno della classe dirigente. Ecco allora che il governatore della Regione Stefano Bonaccini, intervistato dal Corriere della Sera, interviene a gamba tesa sul tema e invoca «Chiarezza. Le persone sono esauste per il continuo entrare e uscire da zone colorate senza che si riesca a piegare la curva in maniera strutturale. Ci sono attività economiche che non sanno cosa accadrà il giorno dopo, altre chiuse da troppi mesi. Occorre cambiare schema. Al nuovo governo chiediamo un confronto sulla revisione dei parametri e delle misure. Bisogna evitare che dopo l'anno dell'unità e della solidarietà, segua l'anno della rabbia sociale e della frustrazione. Chiediamo al Cts indicazioni più chiare e al governo di riconsiderare l'impianto dei provvedimenti».

E intanto si sta ragionando «perché progressivamente, nelle condizioni di massima sicurezza, si vada alla riapertura di tutti i luoghi della cultura». Lo dice, in un'altra intervista al Corriere della Sera, il ministro della Cultura Dario Franceschini. «Ad oggi teatri e cinema sono chiusi in Francia, Germania, Regno Unito, Belgio, Portogallo, ma siccome l'Italia è l'Italia vorrei che fossimo i primi a riaprire. L'operazione va fatta non con i proclami né con gli annunci ma per passi possibili». Franceschini ha chiesto al Comitato tecnico-scientifico un incontro urgente per proporre le misure di sicurezza integrative su cui stanno lavorando le organizzazioni di categorie.
 

< Articolo precedente Articolo successivo >