Mercoledý 24 Febbraio18:18:12
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

La rinascita di Alice e Massimo: le nozze durante il percorso di cura dalla droga

I due sposi, seguiti dal Cod di Argenta, ora si trasferiranno in quello di Vallecchio a Rimini

Attualità Rimini | 12:32 - 20 Febbraio 2021 Al centro i due sposi Al centro i due sposi.


Insieme hanno iniziato il percorso di disintossicazione al Centro Osservazione e Diagnosi (Cod) "L'Airone" di Argenta (Ferrara), e insieme hanno lanciato un'altra sfida alla loro (ex) dipendenza, convolando a nozze, per fare poi la loro luna di miele alla Comunità Terapeutica di Vallecchio, Rimini. E' la storia di Alice e Massimo, sposi in municipio ad Argenta, testimoni i due educatori che li stanno assistendo nel loro percorso di rinascita,  Alessia Bagordo e Alfredo Pellegrini.

Coriandoli e riso li hanno salutati, lanciati dagli altri pazienti della struttura e dall'equipe sociosanitaria della Cooperativa Sociale Cento Fiori di Rimini, che da alcuni anni gestisce la struttura di Argenta, diretta da Monica Ciavatta. Poi il taglio della torta, in refettorio, con gli altri dieci ospiti e l'equipe sociosanitaria al completo. Niente lancio del tradizionale bouquet da parte della sposa: il destino del mazzolino sarà di essere immortalato in uno dei lavori di bricolage nei quali si diletta lo sposo. Pazienza per le ospiti e le operatrici ancora nubili, ci saranno altri lanci ai quali attendere...

Un atto di coraggio notevole per Alice e Massimo, che hanno scelto di fare un duplice percorso: mettersi alla prova come persone e come coppia, rilanciando addirittura con il matrimonio. Un impegno quest'ultimo che sarà seguito in modo particolare dagli operatori della Cooperativa Sociale Cento Fiori di Rimini, che gestisce tra le altre tre strutture terapeutiche: i Cod di Argenta e di Vallecchio (Rimini) e la Comunità Terapeutica di Vallecchio. Le tre strutture sono tra le poche in Italia che offrono da circa 20 anni un trattamento terapeutico specifico per le coppie, proprio per la duplice difficoltà che incontrano i pazienti.

 

< Articolo precedente Articolo successivo >