Mercoledý 03 Marzo22:22:02
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Discoteche al collasso: andati in fumo 1 miliardo e mezzo

Il presidente nazionale dei locali da ballo Maurizio Pasca: "Il 30% discoteche ha già chiuso"

Attualità Rimini | 18:10 - 18 Febbraio 2021 Il 30% dei locali ha chiuso i battenti Il 30% dei locali ha chiuso i battenti.

Il mondo dei locali da ballo, chiusi ormai da un anno, a parte una breve parentesi estiva, vede una crisi senza fine. A testimonianza della catastrofe che si è abbattuta sul settore più colpito dalla pandemia numeri impietosi, che purtroppo esprimono chiaramente quanto sia difficile la situazione. Delle 2800 aziende italiane che compongono un comparto fondamentale, anche per l’attrattività turistica del Paese, il 30% ha già chiuso definitivamente i battenti. Parliamo di circa 840 imprese che danno lavoro a migliaia di persone, per non parlare di tutto l’indotto che generano. Un numero spaventoso che, senza interventi immediati, potrebbe addirittura raddoppiare entro la primavera. Se poi guardiamo ai fatturati la situazione non è certo migliore. Su un giro d’affari annuo di circa 1,8 miliardi sono andati in fumo 1 miliardo e mezzo, ben più dell’80% del totale.
 

“Siamo davanti a una crisi senza precedenti che sta letteralmente distruggendo le nostre aziende, - sottolinea Maurizio Pasca, il presidente di Silb-Fipe, la più importante associazione italiana di categoria che raduna il 90% delle imprese del comparto censite dalla Camera di Commercio - e la cosa che fa più male è che sembra che questo non interessi a nessuno. Siamo fermi praticamente da un anno perdendo quasi tutto il fatturato e i ristori che ci hanno destinato ammontano a 2 milioni di euro. Due milioni a fronte di una perdita di un miliardo e mezzo, c’è bisogno di commentare? Come possiamo andare avanti in queste condizioni? I nostri locali sono luoghi di socialità e aggregazione sana, ma soprattutto luoghi sicuri e controllati. Non possiamo accettare di essere abbandonati a noi stessi in questo modo. Mi aspetto dal nuovo Esecutivo un deciso cambio di direzione che possa finalmente aprire gli occhi sulla tragedia che stiamo vivendo. Urgono aiuti concreti altrimenti delle nostre aziende rimarranno macerie".
 

“Nella nostra regione i numeri, in proporzione, si avvicinano molto a quelli nazionali, con una moria diffusa di locali – commenta Gianni Indino, presidente del Silb-Fipe della regione Emilia Romagna -. La difficoltà a rimanere sul mercato è evidente. Confidiamo nell’attenzione che il governo avrà nei nostri confronti, mettendo innanzitutto a regime gli impegni assunti da quello precedente, che aveva previsto ristori, adeguandoli alla gravità della situazione. Con la Regione Emilia Romagna in questi giorni stiamo affrontando il tema dei ristori regionali: stiamo sollecitando l’uscita del bando affinché vengano messi a punto provvedimento veloci e consoni alle esigenze delle imprese. Sappiamo bene che non saranno aiuti risolutivi, ma intanto prendiamo atto dell’impegno che il presidente Bonaccini ha assunto nei confronti di una categoria importantissima che arricchisce l’offerta turistica della nostra regione”.

< Articolo precedente Articolo successivo >