Martedì 02 Marzo05:23:28
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Turismo, Gnassi chiede un incontro con Draghi: "Ora un piano strategico per il rilancio"

"Il Next Generation UE può essere lo strumento di rilancio dell’industria turistica"

Attualità Rimini | 13:21 - 18 Febbraio 2021 Mario Draghi presiede il suo primo Consiglio dei ministri Mario Draghi presiede il suo primo Consiglio dei ministri.


il sindaco di Rimini Andrea Gnassi accoglie con favore non soltanto l'arrivo di Mario Draghi alla guida del Paese, ma anche la prima vittoria in parlamento con il sì del senato all'insediamento del nuovo esecutivo. "Quella di Mario Draghi in Parlamento non è stata la solita musica e il passaggio sul turismo apre un orizzonte nuovo: sì al sostegno pieno per il rilancio, senza annullare chi siamo e l'eredità che abbiamo ricevuto, nel nome di un'urgenza che non vuole e non sa darsi limiti in nome di un malinteso senso del progresso. Il Next Generation Ue deve essere lo strumento di rilancio dell'industria turistica, oggettivamente la più penalizzata dalla pandemia. Insieme ai sindaci di Firenze, Roma, Napoli, Venezia, Milano e al presidente Anci Antonio Decaro ho firmato la richiesta di un incontro con il presidente del consiglio e con il ministro Garavaglia per definire, insieme agli stakeholder, un piano strategico e di rilancio dopo l'emergenza pandemia".

E nel piano, "tra le misure a breve termine devono essere inseriti ristori mirati alle aziende della filiera turistica più colpite; un modello più efficace di condivisione e informazioni delle misure legate all'andamento epidemiologico in modo da evitare brutti scivoloni come quello dei giorni scorsi e anche l'impulso al piano delle vaccinazioni con particolare attenzione anche al personale impiegato nel comparto turistico in vista di un'auspicabile riapertura della stagione turistica in sicurezza". D'altronde, conclude Gnassi, "se il turismo è finalmente un'industria strategica, si facciano interventi qui e ora per resistere. Ma si diano certezze a territori e operatori di politiche industriali di medio e lungo periodo". 
 

< Articolo precedente Articolo successivo >