Sabato 06 Marzo23:41:48
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Tassa di soggiorno, a Rimini introiti dimezzati. "Ma evitato collasso sistema turistico"

L'amministrazione comunale di Rimini:"rispettate le nostre previsioni sui minori introiti"

Attualità Rimini | 12:40 - 15 Febbraio 2021 Foto di repertorio Foto di repertorio.

Gli introiti legati alla tassa di soggiorno, nel comune di Rimini, per l'anno 2020, sono stati pari a 5 milioni, 295.646 euro. "Entrate perfettamente coerenti con le previsioni che, a causa dell'emergenza sanitaria, erano state cautelativamente riviste al ribasso durante la scorsa primavera, rispetto ai 10 milioni di € ipotizzati in linea con i risultati del 2019", spiega l'assessore del comune di Rimini Gianluca Brasini.

Il dato comunque dimostra che la stagione estiva, grazie ai mesi di luglio, agosto e in parte settembre, è riuscita a riprendersi, nonostante le difficoltà legate alla pandemia da nuovo coronavirus. Il comune di Rimini parla infatti di "volume di presenze inimmaginabile a giugno", quando era temuto "il collasso del sistema turistico". Per l'assessore Brasini "gli italiani hanno premiato Rimini e la vacanza sicura, open space", con una progressiva crescita che ha registrato ad agosto un +1,3% sul fronte degli arrivi di turisti italiani.

L'assessore ribadisce l'importanza di queste entrate, destinate a finanziare "il piano di salvaguardia della balneazione, la cura del vedere, il restauro dei musei, l'organizzazione di eventi, l'illuminazione delle zone turistiche", permettendo quindi a Rimini di essere sempre in una posizione di rilievo nel mercato turistico.  L'assessore Brasini vede un futuro radioso all'orizzonte, vaccini permettendo: "Quando gli effetti della campagna vaccinale ci consentiranno di lasciarci alle spalle l’emergenza sanitaria, una città come Rimini oggi, sarà pronta ad essere ancora turisticamente più competitiva", pur nella consapevolezza che "l'ultimo segmento a ripartire" dopo la pandemia "sarà quello dei mercati esteri verso i quali stavamo, anno dopo anno, guadagnando significative fette di mercato".

 

< Articolo precedente Articolo successivo >