Domenica 07 Marzo22:32:39
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Criptovalute: non solo vantaggi, ma anche le banche devono adattarsi

Il fenomeno delle criptovalute è ormai particolarmente diffuso e conosciuto

Attualità Nazionale | 15:46 - 08 Febbraio 2021 Pila di criptovalute, bitcoin Pila di criptovalute, bitcoin.

Il fatto di cominciare a far parte del mondo delle criptovalute, che sta crescendo giorno dopo giorno in misura sempre maggiore sembra ormai inevitabile. Anche tutti coloro che sono abituati a investire sul web nel trading di valute cripto, devono prestare quotidianamente attenzione a tutti quei fattori che potrebbero apportare cambiamenti importanti nell’andamento sul mercato.
 

Il fenomeno delle criptovalute è ormai particolarmente diffuso e conosciuto ormai da tanti anni e pare sempre più chiaro come sarà condizionante anche per il mercato delle valute dei prossimi decenni. Ci sono diversi addetti ai lavori che fanno parte delle Banche Centrali, che hanno già evidenziato una notevole preoccupazione nel fatto che la rivoluzione delle criptovalute possa andare a danneggiare e a mettere in serio pericolo la stabilità dell’intero sistema monetario.
 

Nel corso degli ultimi dieci anni, il Bitcoin ha fatto registrare una diffusione sempre più rapida e a macchia d’olio, in modo particolare nel portafoglio degli investitori. Se all’inizio era considerato più che altro come strumento speculativo, quasi difficilmente accessibile, ora viene ritenuto un metodo di investimento a tutti gli effetti.
 

Come acquistare il Bitcoin
 

Sono tre le modalità di acquisto che sono a disposizione degli investitori. La prima prevede l’uso di strumenti finanziari che siano quotati in Borsa, che vanno a riprodurre in sostanza quello che è stato l’andamento della moneta digitale, mediante un apposito wallet. Quest’ultimo, non è altro che un portafoglio digitale, che ormai viene impiegato da un numero sempre maggiore di utenti, nello specifico quelli che fanno trading online.
 

Nel corso degli ultimi giorni ha fatto molto scalpore, in positivo, la scelta di BlackRock di inserire i Bitcoin agli investimenti in ben due dei fondi comuni che vengono messi a disposizione. Si tratta della prima occasione in cui un gestore di fondi garantisce alla propria clientela l’esposizione alla valuta digitale: un’ulteriore conferma di quanto questi strumenti stiano prendendo piede sul mercato. Se anche il più importante gestore patrimoniale a livello planetario ha compiuto una siffatta scelta, è chiaro che il fenomeno delle criptovalute non potrà che aumentare e diffondersi sempre di più.
 

Occhio alla volatilità
 

Un aspetto che, stando a diversi addetti ai lavori, come ad esempio Banca Ifigest, desta qualche preoccupazione, è rappresentata dalla volatilità della criptovaluta più famosa in tutto il mondo. Sono in tanti, però, a essere convinti di come il rally del Bitcoin non è affatto finito qui, ma è destinato a crescere sempre di più. Il motivo è presto detto, dal momento che questa valuta digitale viene comprata come riserva di moneta, come se fosse un vero e proprio bene rifugio. A testimonianza di questo aspetto, infatti, un gran numero di investitori non la sta scambiando, quanto piuttosto la sta conservando all’interno del portafoglio in stock.
 

Vari esperti hanno sottolineato come le banche non dovrebbero nutrire dubbi o timori in riferimento a questo successo del Bitcoin, semplicemente perché bisogna prendere atto delle rivoluzioni tecnologiche e imparare a gestirlo. Non è un caso che il boom delle criptovalute abbia di fatto portato a velocizzare il processo di adeguamento dell’universo della finanza alle valute elettroniche. Di conseguenza, non bisogna stupirsi di come la Bce stessa sia scesa in prima linea per lavorare alla promozione di una moneta che, inevitabilmente, si avvicinerà sempre di più alla digitalizzazione.
 

E le notevoli oscillazioni del valore del Bitcoin non fanno altro che rendere i due schieramenti, pro e contro le criptovalute, sempre più irrigiditi sulle loro posizioni: se la domanda, però, continuerà a farsi sempre più matura e consistente, ecco che anche la volatilità comincerà a scemare a diventare sempre meno un problema con il passare del tempo.
 

< Articolo precedente Articolo successivo >