Venerd́ 26 Febbraio22:58:55
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini: offende la ex davanti al compagno, la discussione finisce a cazzotti

A darsele di santa ragione un 33enne riminese e un 44enne potentino che ogni tanto la donna continuava ad ospitare

Cronaca Rimini | 13:08 - 08 Febbraio 2021 Foto da internet Foto da internet.


Se non avesse allertato la polizia, a quest'ora uno dei due se la sarebbe vista davvero brutta. Perché quando l'altra sera gli agenti sono intervenuti in via Teodorico a Rimini dopo aver ricevuto attorno alle 21.15 la chiamata di una donna, i poliziotti sono intervenuti giusto in tempo per separare i due contendenti. Da una parte un 33enne riminese, attuale compagno di lei, dall'altra un 44enne di Potenza, che dopo essersi affrontati a parole erano finiti a menarsi in giardino. Nemmeno le esortazioni degli agenti li hanno fatti separare, tanto che ci è voluto l'intervento fisico di un poliziotto per impedire che si strozzassero a vicenda. Il 44enne però alla vista dell'operatore ha perso la testa e gli ha tirato un calcio, valsogli 4 giorni di prognosi, per poi continuare ad accanirsi contro l'avversario.

La donna, una 48enne riminese, ha riferito di ospitare saltuariamente in casa l’ex compagno poiché mossa da pietà per il suo stato di persona senza fissa dimora. In serata però, mentre era in casa in compagnia di entrambi, l’ex compagno si sarebbe inalberato senza motivo iniziando a insultarla con epiteti offensivi. A quel punto l’attuale fidanzato si sarebbe frapposto per difenderla, finendo poi per picchiarsi con violenza. Il potentino, con precedenti di polizia e penali tra cui reati contro la persona, violenza sessuale e resistenza a pubblico ufficiale, veniva tratto in arresto per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, in attesa del rito direttissimo.

 

< Articolo precedente Articolo successivo >