Lunedý 08 Marzo12:48:30
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Patrick Zaki in carcere da un anno, l'appello di politica e comunità civile: "Liberatelo"

Dal governatore Bonaccini al sindaco Gnassi, e l'associazione Sarà propone la cittadinanza onoraria

Attualità Rimini | 08:11 - 08 Febbraio 2021 Patrick Zaki Patrick Zaki.


È già passato un anno dall'arresto ingiustificato dello studente universitario di Bologna e attivista dei diritti Lgbt Patrick Zakim, avvenuto il 7 febbraio 2020 durante l'imbarco all'aeroporto de Il Cairo, dove il 29enne egiziano era atterrato per ricongiungersi con la sua famiglia.

«Chiediamo la sua liberazione e il conferimento della cittadinanza italiana» ha scritto domenica nel giorno dell'anniversario dall'arresto il presidente dell'Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, rilanciando di fatto i contenuti della petizione online lanciata su Change.org che ha già raccolto oltre 120mila firme e nei giorni è stata appoggiata anche dai familiari di Zaki.

Presto si è aggiunto anche il sindaco di Rimini Andrea Gnassi rilanciando la proposta del laboratorio civico Sarà per concedergli anche la cittadinanza onoraria della città di Rimini, dopo quella di Bologna. «Una proposta che come sindaco e giunta facciamo nostra, che vuole essere un segnale di vicinanza e una voce che si unisce al coro di richieste affinché sia liberato il prima possibile. Nel nome davvero della libertà di espressione, di diritti civili fondamento di ogni democrazia. Credo e mi auguro che la proposta possa essere sostenuta da tutte le forze politiche, presenti o no in consiglio comunale, in maniera trasversale e unanime, perché arrivi forte il messaggio che Rimini è con Patrick Zaki». Lunedì anche Rimini aderirà alla mobilitazione nazionale per chiederne la sua scarcerazione.

La sua detenzione cautelare è giustificata da accuse indimostrate, come propaganda sovversiva al terrorismo per alcuni post sui social da un account che il ricercatore dice non essere suo. Secondo le denunce di attivisti e legali Zaki è stato anche torturato durante l'interrogatorio.
 

< Articolo precedente Articolo successivo >