Venerdý 26 Febbraio19:33:46
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Traffico via Ducale, residenti infuriati: "Gravi disagi, basta con gli annunci"

Una situazione temporanea per la viabilità si è protratta a lungo, denunciano i residenti

Attualità Rimini | 16:56 - 05 Febbraio 2021 Via Ducale nel centro storico di Rimini Via Ducale nel centro storico di Rimini.


Alcuni residenti del Rione Clodio e di via Ducale, in una nota, lamentano i "gravi disagi" legati all'elevato traffico veicolare, nonostante le restrizioni alla circolazione per l'attuale emergenza Covid. Una situazione che è stata aggravata - nella fattispecie per il rione Clodio - dalla pedonalizzazione del ponte di Tiberio. In vista della riorganizzazione della viabilità, l'amministrazione Gnassi aveva disposto nell'ottobre 2019 il transito in via Ducale come soluzione temporanea. Sono trascorsi un anno 4 mesi, ma la situazione non è cambiata. Il transito verso mare nella via Ducale continua ad essere incessante, a causa del senso unico nella vicina via Bastioni Settentrionali, percorribile solo mare-monte (mentre monte-mare il transito avviene appunto attraverso la via Ducale). E proprio il flusso di traffico su via Bastioni Settentrionali, direzione mare-monte, a seguito della pedonalizzazione del ponte, ha provocato un intensificarsi del traffico nel rione Clodio. "E per il ponte sostitutivo, che ci risulta già finanziato, non è ancora stato chiarito quando inizieranno i lavori", spiegano nella nota, con la quale si sollecita l'amministrazione Gnassi a intervenire, dando seguito agli annunci fatti a mezzo stampa sulla riorganizzazione della viabilità. Tra aprile e maggio partiranno i lavori per la riorganizzazione della viabilità via Bastioni Settentrionali e via Circonvallazione Occidentale, al fine di concludere la fase temporanea relativa alla viabilità di accesso delle auto nel corso d'Augusto e via Ducale. Ma alcuni residenti esprimono malcontento in quanto la soluzione temporanea si è protratta troppo a lungo. Sono partiti anche due esposti, verbalizzati il 25 luglio del 2020 e il 7 gennaio del 2021, per denunciare la situazione.

 

< Articolo precedente Articolo successivo >