Venerdý 26 Febbraio01:59:00
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

La Torre Saracena di Bellaria si illumina di musica per festeggiare sant'Apollonia

La patrona celebrata tra sostenibilità, cinema e musica. Martedì il mercato, installazioni fino all'8 marzo

Eventi Bellaria Igea Marina | 11:52 - 05 Febbraio 2021 La Torre Saracena di Bellaria si illumina di musica per festeggiare sant'Apollonia

Cominciato il conto alla rovescia per le celebrazioni di sant’Apollonia. Il Covid-19 non impedirà a Bellaria-Igea Marina di festeggiare la sua patrona: anche se in maniera ridotta, l’allestimento del consueto mercato annuale nella giornata di martedì 9 febbraio e le varie iniziative la renderanno comunque una festa molto sentita.

A carattere alimentare e circoscritto al viale Paolo Guidi, dalle 9 alle 18, gli stand offriranno food and beverage, prodotti tipici e ortofrutta. Si replicherà poi domenica 14 febbraio con un analogo mercato annuale a celebrazione di san Valentino. Queste occasioni vorranno essere un piccolo passo sulla strada del ritorno alla normalità, per un centro cittadino che durante i giorni di festa sarà presidiato in maniera discreta ma costante: affinchè il tutto si svolga in sicurezza e nel rispetto delle misure anti contagio.

Ad impreziosire la passeggiata lungo il centro cittadino, anche le installazioni, presenti fino all’8 marzo con cui Bellaria celebra l’amore attraverso un caposaldo della cultura italiana come Dante Alighieri. Inoltre, sempre martedì 9 febbraio, nel giorno della Santa Patrona farà il suo esordio “Immagini Sonore”, progetto artistico promosso dall’Amministrazione Comunale che vede la collaborazione di registi, produttori musicali e dj in ideale collegamento con il Bellaria Film Festival.

Il progetto prevede la riproposizione di tre documentari – uno il 9, gli altri il 13 e il 14 febbraio - che raccontano di tradizioni legate all’ambiente marino e rurale, accompagnati da nuove sonorizzazioni elettroniche. Una riflessione sul valore del passato come elemento necessario per creare un futuro sostenibile, una finestra creativa su quei mestieri in forte connessione con i modi e i tempi della natura, e sulla necessità di salvaguardarli”, spiega l’assessore alla Cultura Michele Neri.

Teatro dell’installazione sarà il giardino della Torre Saracena, dove il documentario del giorno sarà proiettato in loop dalle ore 18 alle 22: in un incontro suggestivo tra musica, cinema e il corpo imponente di uno degli edifici storici più importanti e antichi del territorio. Si comincia, martedì sera, con “Sotto le stelle fredde” di Stefano Giacomuzzi, con un nuovo percorso musicale firmato dall’artista multidisciplinare, writer e produtore Emanuele Battarra, in arte Manu Burla 22.

 

< Articolo precedente Articolo successivo >