Mercoledý 03 Marzo10:50:06
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Nessuna nuova Marecchiese: molti dubbi del comitato imprenditori. Critiche a Gnassi e Santi

Non convincono le varianti, né i percorsi ciclabili "non servono per spostamenti casa-lavoro-scuola"

Attualità Novafeltria | 17:55 - 04 Febbraio 2021 Tratto della Strada Marecchiese Tratto della Strada Marecchiese.

Il 15 febbraio i sindaci della Valmarecchia firmeranno un protocollo d'intesa con provincia e comune di Rimini per la realizzazione di interventi, da realizzare nei prossimi anni, finalizzati al miglioramento della viabilità e a rendere più efficiente la rete stradale. Dubbi sono espressi dal Comitato Imprenditori "Una nuova strada per lo sviluppo", perplessi in primis per un progetto, quello della nuova Marecchiese, che non decolla, ma poco convinti anche degli interventi che saranno effettuati per rendere più efficienti i collegamenti stradali tra Alta e Bassa Valmarecchia e Rimini. I tratti che costituiranno delle mini varianti alla Marecchiese ("varianti non ben definite né nel percorso né nella caratterizzazione"), secondo il comitato, rischiano di essere come quella di Corpolò: "nulla aggiungono alla velocizzazione della percorrenza della Marecchiese". Gli imprenditori chiedono una proposta concreta per il nuovo ponte sul Marecchia ("Abbiamo già chiesto in data 11 dicembre che sia progettato in conformità a una viabilità moderna, fluida, dotata di 4 corsie e sicura") e chiedono per quale motivo "non sia stato sfruttato l’impattante intervento di inserimento del nuovo metanodotto per realizzare una nuova strada lineare". Sui percorsi ciclabili, gli imprenditori si dicono dubbioso sul fatto che possano servire per gli spostamenti casa-lavoro e casa-scuola. Il comitato, dopo aver espresso i propri dubbi, attacca il presidente della provincia Santi e il sindaco di Rimini Gnassi, assenti all'assemblea pubblica organizzata lo scorso 22 ottobre a Pietracuta: "Fatichiamo a sentirci rappresentati da una politica provinciale che non presta attenzione né ascolto e alla quale già lo scorso 11 dicembre avevamo espresso la nostra delusione definendo la bozza di proposta redatta dalla Provincia per migliorare la viabilità, insensibile nei confronti dei problemi della Valle", si legge nella nota, che chiosa invitando i cittadini della Valmarecchia alla mobilitazione.

 

< Articolo precedente Articolo successivo >