Domenica 28 Novembre00:20:47
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Meno smog: ciclabili e boom delle ricariche auto elettriche a Santarcangelo

L'amministrazione comunale traccia il bilancio ambientale 2020

Attualità Santarcangelo di Romagna | 14:55 - 04 Febbraio 2021 Tratto della ciclabile stazione ferroviaria-Santa Giustina Tratto della ciclabile stazione ferroviaria-Santa Giustina.

 

L'amministrazione Parma esprime soddisfzione per quello che è stato ribattezzato "il bilancio ambientale 2020" del comune di Santarcangelo. I dati sono i seguenti: oltre 1.000 nuovi alberi piantati, quasi 525.000 bottiglie di plastica risparmiate e 3.000 metri di nuovi percorsi ciclopedonali protetti, realizati nelle vie Buozzi, Ugo Braschi, Ugo Bassi, Bornaccino e Morigi, a cui si aggiunge il completamento della ciclovia che collega la frazione di Santa Giustina con la stazione FS e il capoluogo. L'amministrazione comunale ha già dato avvio, inoltre, alla progettazione per i percorsi protetti nelle vie Tomba, Togliatti, Sancisi, XXIV Maggio. "La riorganizzazione della sosta attraverso gli stalli veloci Kiss and Go, la messa in sicurezza dei percorsi dedicati alla mobilità lenta hanno consentito una notevole riduzione degli intasamenti stradali e la promozione di stili di vita più salutari e di modalità sostenibili per il tragitto casa-scuola", spiega l'amministrazione comunale in una nota.

Relativamente ai consumi sostenibili, le colonnine di ricarica elettrica hanno registrato un marcato aumento con un +138 per cento di ricariche (dalle 307 nel 2019 alle 713 del 2020), a segnare una tendenza all’utilizzo sempre più frequente e diffuso delle auto elettriche. Al momento sono sette le stazioni di ricarica presenti sul territorio – nel piazzale Francolini e Augusto Campana, in piazza della Fornace e nei parcheggi di via Pedrignone, Volontari della Libertà e Trasversale Marecchia e nella zona artigianale di Santa Giustina – a cui se ne aggiungeranno altre nel 2021.

Grazie alle Case dell’acqua e del pulito, infine, Santarcangelo ha risparmiato 524.465 bottiglie di plastica e quasi 95.000 chilogrammi di Co2. L’utilizzo degli erogatori ha però subito uno stop forzato che ha ridotto i consumi del 30 per cento rispetto al 2019 a causa della chiusura imposta per il rispetto disposizioni sanitarie per il contrasto al Covid-19 da marzo a maggio 2020. Cinque invece gli erogatori installati nelle due sedi della scuola Franchini per favorire la riduzione di uso delle bottiglie di plastica da parte degli studenti.


 

< Articolo precedente Articolo successivo >