Venerd́ 05 Marzo14:58:04
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Dopo lite in strada, prende a calci la moglie. L'uomo: "Voglio disintossicarmi da droga e alcol"

Gip: "Eseguita misura di allontanamento dalla casa coniugale"

Cronaca Rimini | 08:04 - 04 Febbraio 2021 Maltrattamenti sulla moglie Maltrattamenti sulla moglie.

E' stato fermato dalla Polizia lo scorso sabato (30 gennaio) in quanto, dopo una lite con la moglie e dopo averla colpita con un calcio, è rientrato a casa, incurante di quanto fosse successo qualche ora prima. L'uomo, di origine pugliese e con precedenti, è stato così destinatario della misura di allontanamento dalla casa coniugale. La relazione con la compagna, una donna di origini siciliane, è stata caratterizzata anche in passato da alcune liti: nel settembre 2020, nella concitazione di uno di questi alterchi, la donna chiese l'intervento delle forze dell'ordine e in quell'occasione l'uomo fu trovato in possesso di 200 grammi di hashish. Arrestato, fu processato con rito abbreviato per le accuse di spaccio e resistenza a pubblico ufficiale, riportando una condanna, impugnata in appello, a un anno e sei mesi di reclusione, pena sospesa. Sabato scorso la donna, che ha poi presentato denuncia per maltrattamenti, ha richiesto nuovamente l'intervento della Polizia, denunciando di aver subito un calcio dall'uomo, ubriaco e reduce da una lite in strada, nella concitazione di un diverbio. Lui, fatto allontanare dagli operatori, è rincasato successivamente e a quel punto la Polizia è intervenuta nuovamente. Davanti al gip, martedì scorso (2 febbraio), ha spiegato che le liti erano provocate dal suo vizio di alzare troppo il gomito, escludendo qualsiasi motivo di gelosia. L'uomo ha deciso, di concerto con il proprio legale, l'avvocato Mirko Damasco, di non impugnare il divieto di allontanamento e ha dichiarato di volersi sottoporre a un programma terapeutico di disintossicazione, sia dall'alcol che dalla droga.

 

< Articolo precedente Articolo successivo >