Venerdì 26 Febbraio01:50:50
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Fare sport correndo e raccogliere i rifiuti: la bella iniziativa a Verucchio

Si chiama Plogging ed è un'originale attività che ha visto impegnati i giovani dell'Azione Cattolica

Attualità Verucchio | 12:59 - 03 Febbraio 2021 Fare sport correndo e raccogliere i rifiuti: la bella iniziativa a Verucchio


"Plocka upp" in svedese significa raccogliere, jogging è invece oramai di uso e comprensione comune in tutto il mondo. I due termini si fondono in Plogging, un’originale e innovativa attività che miscela l’attenzione per il pianeta e il desiderio di fare attività motoria all'aria aperta: in pratica si tratta della “raccolta dei rifiuti mentre si corre oppure cammina”.

Domenica 31 gennaio il Plogging ha fatto il suo esordio sul territorio verucchiese grazie all’Acr Villa Verucchio che, con il sostegno dell’amministrazione comunale (lo aveva inserito nelle azioni in tema ambientale nel programma di mandato) ha fornito tutta l’attrezzatura necessaria. Si è così svolta la prima giornata di questa speciale forma di “pulizia” del paese. I giovani, al termine di un lavoro di approfondimento dell'Enciclica di Papa Francesco ‘Fratelli Tutti’ e del tema della Gentilezza, hanno invitato la sindaca Stefania Sabba a raccontare loro l'impegno dell'amministrazione nel servizio verso la cittadinanza e l'ambiente nel quale viviamo, impegno che ha portato al Comune di Verucchio il riconoscimento di "Comune Gentile" (il primo in regione). Al termine dell'incontro, una quindicina di giovani del secondo anno delle scuole medie si sono messi in marcia dalla sede della parrocchia, divisi in due gruppi in base all’andatura e per evitare ogni possibile forma di assembramento e hanno svolto il loro servizio. Hanno percorso per oltre un’ora le strade e le piazze cittadine con sacchetti colorati così da differenziare ogni forma di rifiuto trovato sul loro cammino e hanno fatto ritorno con un bel bottino di sacchi pieni e un pieno di soddisfazione e senso civico.

«Cogliamo con grande favore e orgoglio questa sensibilità di prendersi cura dell'ambiente, dei bisogni degli altri e allo stesso tempo del proprio corpo e di accrescere il senso civico individuale e collettivo. La cura del bene comune e dell'ambiente è da sempre una delle architravi del nostro amministrare e ogni progetto che vi rientri e contribuisca alla sua diffusione troverà sempre il nostro sostegno. Ringraziamo quindi per la collaborazione ACR, gli educatori Suor Serena e Francesca e i rappresentanti dell’Agi Matteo, Anna, Luca, Leonardo»,  commenta il sindaco Stefania Sabba.

 

 

< Articolo precedente Articolo successivo >