Mercoledė 01 Dicembre22:55:46
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Caro mensa a Coriano, monta la protesta tra i genitori contro i costi del servizio

La minoranza attacca la giunta Spinelli: "Ha scelto di applicare la tariffa più alta"

Attualità Coriano | 12:22 - 01 Febbraio 2021 Caro mensa a Coriano, monta la protesta tra i genitori contro i costi del servizio


Esplode il caso del caro mensa per i bambini delle scuole di Coriano. La denuncia è a firma dei consiglieri di "Insieme per Coriano" Leonardi, Innocentini, Paolucci e Talacci. La giunta infatti ha approvato una delibera del 2016 che stabilisce in 7 euro per pasto il costo della mensa scolastica per nuclei con Isee superiore a 10 mila 600 euro. A seguito di questa decisione di qualche giorno fa, i genitori hanno iniziato a lamentarsi in modo molto forte, tanto che una loro delegazione ha chiesto di essere ricevuta dal sindaca Domenica Spinelli.

«Non ci eravamo sbagliati quando avevamo contestato il costo dei pasti. Sette euro a pasto per tutti i cittadini con Isee superiore a 10 mila 600 euro e il nostro Comune decideva di continuare ad applicare la tariffa più alta scaricando sulle famiglie il costo del servizio, ignorando le enormi difficoltà economiche di questo lungo periodo di pandemia. A dimostrazione della scarsa o nulla attenzione ai problemi delle famiglie in difficoltà, oltre ad applicare le tariffe più alte, a porre condizioni impossibili per ottenere le agevolazioni questa amministrazione impone ai richiedenti l’obbligo di iscriversi al registro dei volontari, un ossimoro degno della confusione che regna a Coriano e di impegnarsi a prestare la loro opera se chiamati a svolgerla. Pena la decadenza dalle agevolazioni.

Negli stessi giorni in qui questa amministrazione confermava i 7 euro a pasto e «imponeva il volontariato obbligatorio ai corianesi bisognosi», si chiudeva il bando per dare continuità alla gestione del Teatro CORTE «nonostante i teatri siano chiusi da marzo e ancora non si sappia quando potranno riaprire. Una continuità confermata fino al giugno 2023 con un investimento di risorse pubbliche per circa 228.000 euro. Un’attenzione alla cultura legittima, anche se avremmo preferito che la stessa attenzione venisse riservata alle famiglie provate direttamente e indirettamente dalla pandemia. Invece non è stato così. Questa amministrazione che per anni ci ha raccontato la favola di Coriano “ paese del sociale” ha dimostrato ancora una volta quanta differenza c’è fra le parole e i fatti.  Per questi motivi abbiamo presentato una interrogazione al sindaco per sollecitare un intervento rivolto a mitigare il costo del pasto mensa, tenendo anche conto dei contributi che dal  Governo sono arrivati per aiutare le famiglie,  in conseguenza delle difficoltà dovute alla pandemia».
 

< Articolo precedente Articolo successivo >