Lunedý 08 Marzo15:45:20
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Ragazzino "trova" I-phone e se lo tiene, assolto dal reato per ricettazione

E' successo quando aveva 17 anni. Da maggiorenne è stato assolto

Cronaca Rimini | 05:26 - 01 Febbraio 2021 Foto di repertorio Foto di repertorio.


Si è trovato a processo con l'accusa di ricettazione, da maggiorenne, per un telefono che aveva trovato in spiaggia a Rimini, quando aveva 17 anni. E' stato assolto, perché il fatto non sussiste, un 25enne del Kyrgyzstan, da anni residente in Italia, difeso dall'avvocato Valentina Baroni. I fatti risalgono al maggio 2013: un 40enne di Firenze aveva parcheggiato la propria automobile sul Lungarno, nella propria città, ed era stato derubato. Ignoti avevano infatti rotto il finestrino della vettura, per portare via un pc e un iPhone bianco, ultimo modello. A distanza di quasi due anni, nel febbraio 2015, i Carabinieri individuarono la scheda Sim e dai tabulati degli ultimi 90 giorni risalirono all'utilizzatore del telefono cellulare, il 25enne. La difesa ha evidenziato, in sede processuale, la tardività delle indagini, mentre l'imputato ha raccontato le circostanze nelle quali entrò in possesso dell'iPhone: come confermato anche da sua madre e dal fidanzato dell'epoca di quest'ultima; il giovane, all'epoca 17enne, lavorando come aiuto bagnino, aveva rinvenuto lo smartphone privo della scheda sim sulla battigia, mentre era intento nelle operazioni di pulizia della spiaggia. 

< Articolo precedente Articolo successivo >