Venerdė 05 Marzo01:13:32
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Riccione appoggia Rimini capitale Italiana della cultura 2024

Tosi: "Direi di più, Rimini e Riccione come Bergamo e Brescia simbolo della rinascita post Covid del turismo in Europa"

Attualità Gabicce Mare | 14:40 - 26 Gennaio 2021 Piazza Tre Martiri Piazza Tre Martiri.


Riccione appoggia la candidatura di Rimini a capitale italiana della cultura 2024. Il sindaco Tosi definisce ciò "un passo molto importante per tutto il nostro territorio, dal mare, all'entroterra e che porterebbe ad accendere sulla Romagna, i riflettori di tutta Europa". Da Riccione parte "un forte incoraggiamento" al progetto e una mano tesa ad una collaborazione, invitando il governatore regionale Bonaccini ad affiancare la provincia di Rimini "in un'impresa che potrebbe definitivamente rilanciare la nostra terra". Attualmente il nostro territorio sta affrontando la doppia sfida, sanitaria ed economica: Rimini capitale italiana della cultura 2024 aiuterebbe "a portare fuori dal guado della pandemia tutto il nostro sistema produttivo", dando la spinta alla ripartenza del turismo. La candidatura di Rimini, spiega Tosi, "significa anche candidare i suoi luoghi dei sogni felliniani, ma anche i suoi borghi medievali dell'entroterra, e tutta l'avanguardia della zona Sud". Dal punto di vista culturale, Riccione nel 2024 avrà il nuovo museo del territorio e il nuovo spazio teatrale Tondelli, inoltre, evidenzia il primo cittadino della Perla Verde, "avrà già avuto il suo centenario", con la celebrazione di tanti eventi diffusi che accenderanno i riflettori sulla città. "Approfittiamo di quest'occasione, lasciamo da parte rivalità antiche o recenti ma anzi facciamone un punto di forza. Facciamo come Bergamo e Brescia città rivali, martoriate dal Covid diventate capitali italiane della cultura 2023 come simbolo di ripartenza", è il monito del sindaco Tosi. 
 

< Articolo precedente Articolo successivo >