Marted́ 02 Marzo20:21:13
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Bilancio del comune di Riccione, ok di tutti i sindacati

"L'unico in provincia ad essere stato firmato da tutte le sigle sindacali", spiega l'assessore Santi

Attualità Riccione | 13:51 - 26 Gennaio 2021 L'Assessore al bilancio del Comune di Riccione Luigi Santi L'Assessore al bilancio del Comune di Riccione Luigi Santi.


I rappresentanti dell’amministrazione comunale di Riccione e delle organizzazioni sindacali confederali si sono incontrati per discutere e approfondire le principali tematiche di interesse sul Bilancio 2021. Dall'incontro è scaturito un accordo firmato da tutte le sigle sindacali CGIL-CISL-UIL. "E anche per il 2021, il Bilancio del Comune di Riccione è l’unico in provincia ad essere stato firmato da tutte le sigle sindacali", rimarca con soddisfazione l'assessore Luigi Santi.

In particolare nel documento sottoscritto tra amministrazione e CGIL-CISL-UIL si fa riferimento alla salvaguardia del sistema di welfare anche in relazione alle ripercussioni che sta avendo il Covid 19 sul tessuto economico del territorio. "In un quadro economico e sociale in continuo mutamento - si legge nell'accordo tra Comune di Riccione e sindacati -, sarà evitato ogni arretramento nella spesa sociale a contrasto delle povertà e verranno messe in campo tutte le possibili azioni a sostegno delle famiglie". In quest'ottica i sindacati hanno accolto favorevolmente il congelamento delle tariffe per i servizi a domanda individuale, il congelamento dell'adeguamento Istat, "così come la conferma degli sconti sulla Tari e le aliquote bloccate sull'Imu e la sulla Cosap", evidenzia Santi. Per l'imposta di soggiorno, vengono confermate le tariffe, le esenzioni e le agevolazioni ordinariamente previste per il 2020. E si conferma la cancellazione per Riccione dell’addizionale comunale Irpef. Entro il primo semestre del 2021, sindacati e amministrazione si incontreranno nuovamente per la messa a punto del bando relativo alle agevolazioni Tari, che prevede un fondo flessibile pari ad euro 250.000, affinché si possa procedere in modo efficace a sostenere le famiglie a basso reddito, famiglie numerose, portatori di handicap, disoccupati e anziani.


 

< Articolo precedente Articolo successivo >