Domenica 28 Novembre03:30:00
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Lotta al Covid, radiografie portatili a domicilio grazie a un nuovo apparecchio in dotazione

In questo modo medici e infermieri sono in grado di monitorare meglio il decorso della malattia in quarantena

Attualità Rimini | 12:45 - 26 Gennaio 2021 Enrico Cavagna e la nuova apparecchiatura per il monitoraggio a domicilio Enrico Cavagna e la nuova apparecchiatura per il monitoraggio a domicilio.


Ancora passi avanti nella prevenzione dell'infezione da Covid-19, con un'arma in più. Già da mesi le Usca, le "squadre" di medici ed infermieri che si recano a casa degli utenti per la diagnosi, il successivo monitoraggio, e al  bisogno per l'effettuazione nasofaringeo ai pazienti Covid effettuano anche ecografie polmonari a domicilio in collaborazione con l'unità operativa di Radiologia, ai pazienti in particolare ospiti delle residenze per anziani, al fine di rendere ancor più rapide le diagnosi ma anche di limitare gli spostamenti di pazienti più fragili come possono essere gli anziani.

Ora a questo approccio già molto avanzato si aggiunge un ulteriore tassello grazie all'acquisizione di un'apposita apparecchiatura radiografica portatile e trasportabile in automobile, i tecnici della Radiologia potranno eseguire, nelle residenze per anziani, anche l'esame della radiografia del torace, molto importante per valutare lo stato di evoluzione della patologia. Esame che poi viene letto e valutato in "telemedicina" dai medici radiologi.
 

"Questa importante novità - commenta il dottor Enrico Cavagna, direttore del Dipartimento di Diagnostica per immagini dell'Ausl Romagna - consentirà di effettuare diagnosi di covid a domicilio, cioè ancor più rapidamente, ed evitando a pazienti fragili, di spostarsi, limitandone i disagi ed accrescendo la sicurezza anche rispetto al rischio contagio da covid. Se i risultati saranno positivi anche questa innovazione sarà attivata in tutta l'Ausl Romagna".
 

Un grosso aiuto anche per gli operatori delle residenze per anziani e ovviamente una diminuzione del rischio di trasmissione di malattia, purtroppo insito nello spostamento di pazienti. Il servizio è già attivo da alcuni giorni.

< Articolo precedente Articolo successivo >