Marted́ 02 Marzo12:05:37
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Il made in Italy con il marchio di Movimento Imprese Ospitalità: manifestazione a Roma

Anche Mio Emilia-Romagna lunedì in piazza del Popolo, un pulman in partenza anche da Rimini

Attualità Rimini | 12:52 - 21 Gennaio 2021 Il made in Italy con il marchio di Movimento Imprese Ospitalità: manifestazione a Roma


La filiera del made in Italy sotto la sigla del Movimento imprese ospitalità (Mio) Italia, che in dieci mesi di lotta ha ottenuto risultati importanti anche nel territorio riminese. Per farlo, il movimento imprese ha indetto una manifestazione nazionale lunedì 25 gennaio in piazza del Popolo a Roma, alla quale sono invitati i rappresentanti di tutte le componenti del comparto.

Mio si aspetta una partecipazione senza precedenti, per dare un segnale molto forte: "Siamo noi il vero baluardo per tutelare il comparto enogastronomico, il made in Italy e le eccellenze eno gastronomiche del nostro meraviglioso paese" dichiara Lucio Paesani, responsabile regionale per l’Emilia Romagna. "Da Rimini partirà lunedì all'alba un pullman con una folta rappresentativa. Mai come ora è fondamentale essere uniti e coesi tra i vari sotto settori del comparto neo gastronomico. I danni derivanti dalle scellerate decisioni nei confronti del settore ospitalità poste in essere dal Governo non vanno analizzate solo alla luce dei danni diretti sul settore perché se non consideriamo tutta la filiera rischiamo di essere miopi esattamente come chi ci cala dall’alto i decreti".

Il presidente nazionale Paolo Bianchini sottolinea infine che "Dopo tanti mesi di battaglie, manifestazioni e interlocuzioni con il Governo, dopo gli eccellenti risultati ottenuti (come essere riusciti a far saltare il protocollo Inail a maggio, aver fatto diventare l’emergenza del settore un problema di tutti gli italiani, aver ottenuto 32 miliardi di scostamento di bilancio per salvare il comparto), ora è arrivato il momento di fare fronte comune. Il 25 avremo al nostro fianco produttori, distributori e gli esercenti, con i loro collaboratori, in un’unica piazza".

< Articolo precedente Articolo successivo >