Sabato 27 Febbraio16:09:09
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Riccione: palestre e piscine rischiano di fallire. Lettera del sindaco a Bonaccini

Tosi: "Sì ai contributi dalla Regione a cui propongo: Lavoriamo insieme nella progettualità per sostenere le aziende" 

Attualità Riccione | 16:57 - 20 Gennaio 2021 Una palestra Una palestra.


Da una parte il contenzioso con la polisportiva comunale, dall'altra un appello a favore delle piscine e palestre al governatore regionale Bonaccini, spesso bersaglio delle battaglie politiche. Renata Tosi, sindaco di Riccione, ha scritto una lettera a  Bonaccini evidenziando che tante società che gestiscono palestre e piscine rischiano di fallire nel 2021. "Un numero impressionante, le società vanno aiutate e i lavoratori del settore sostenuti, Governatore Bonaccini lavoriamo insieme per una progettualità che aiuti la ripresa e la produttività delle aziende di settore", scrive il primo cittadino della Perla Verde, chiedendo un sostegno diretto al mondo dello sport, "penalizzato e dimenticato da troppo tempo in questa lunga stagione segnata dalla pandemia". La Tosi entra nel dettaglio: "Sono convinta, presidente Bonaccini, che la Regione abbia a cuore lo sport, non solo perché è una delega che ha tenuto personalmente Lei ma anche perché per il nostro territorio è una risorsa importante". Il primo cittadino riconosce "la cura" nella programmazione delle manifestazioni internazionali sportive, riservate agli agonisti, come il mondiale di ciclismo e le tappe del Giro d'Italia, ma chiede uguale attenzione "per non far fallire chi con lo sport lavora e offre agli amatoriali momenti di crescita professionale e salute". L'appello finale del sindaco: "Siamo con lei presidente Bonaccini nel sostenere il settore perché immagino la Regione stia predisponendo contributi diretti, ma vogliamo essere con Lei anche nella progettualità, nel fare sistema per sostenere le aziende e le società del settore nell'affrontare la ripartenza. Lo sport amatoriale non può fallire, in caso contrario sarebbe una perdita devastante in termini economici, di posti di lavoro, di qualità dell'offerta turistica e di qualità della vita". 

 

< Articolo precedente Articolo successivo >