Venerd́ 26 Febbraio02:18:19
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini Calcio, ecco il mediano Gomis: 'Convinto dal progetto biancorosso. Impatto molto positivo'

Accordo fino a fine anno. In partenza solo Massetti, tre under in lizza per il ruolo di vice Scotti

Sport Rimini | 13:03 - 20 Gennaio 2021 Il nuovo centrocampista di origine senegalese Kalagna Gomis Il nuovo centrocampista di origine senegalese Kalagna Gomis.

“Ci ho pensato su un paio di settimane, poi ho deciso di accettare l'offerta del Rimini. E' una società ambiziosa, una piazza importante, c'è la voglia di tornare in C1. Una sfida appassionante, questo può essere un nuovo trampolino di lancio per la mia carriera e così anche se malincuore ho lasciato l'Arconatese, una società che mi ha trattato benissimo, e compagni con cui c'era affiatamento”.
Così Kalagna Gomis, il nuovo centrocampista di origine senegalese classe 1996, ultimo acquisto del Rimini Calcio, il mediano che affiandcherà il regista biancorosso inmezzo al campo nel 4-3-1-2. Avrà la maglia numero 14. E' cresciuto nel settore giovanile della  Cremonese, ha collezionato 16 presenze in due annate di C con la Pro Piacenza per poi vestire le maglie di Virtus Bergamo (D) e Nibbiano & Valtidone (Eccellenza) e da ultimo l'Arconatese - società di serie D dell'hinterland milanese -  dove ha giocato nelle due ultime stagioni con un buon rendimento. “Quest’estate c’erano tante squadre che mi volevano, ma ho deciso di rimanere lì”.
 Le sue caratteristiche?
“Io faccio tutte e due le fasi, in particolare quella difensiva: svolgo il cosiddetto lavoro sporco. Sono un giocatore di interdizione, mi piace lavorare tanto, con grinta,  fa girare la squadra. Sono un saltatore e su calci piazzati mi faccio valere, mi piace tirare da fuori. Ho caratteristiche simili a Sissoko, il centrocampista del Tottenham. Il numero 14 mi ricorda il mio primo anno da professionista e anche la mia ragazza è nata il 14”.
Che ambiene ha trovato?
“Non conosco nessuno dei nuovi compagni, ma in questi primi giorni di lavoro ho scoperto un ambiente buono, tutti si stannio prodigando per farmi sentire a mio agio e farmi entrare al meglio nei meccanismi di squadra. Il resto arriverà da solo, piano piano”.
Il suo accordo è per questi sei mesi e basta?
“Si, poi vedremo più avanti” .

Il direttore sportivo Pietro Tamai. “Col cambio di modulo siamo passati dal 3-5-2 ad un 3-4-1-2. Ci mancava anche all’inizio un giocatore del genere, di fisicità, forza e centimetri In un campionato che si risolve anche sui piazzati e serviva un giocatore forte di testa. Spero che Gomis, che ha abbracciato il nostro progetto, ci possa dare il contributo per fare un salto di qualità”.
Per quanto riguarda altri movimenti, in uscita c'è solo Andrea Massetti in che col cambio di modulo e l'arrivo di Gomis, si vede chiuso (sugli esterni giocano gli  under). Il difensore Abel Gigli rientra definitivamente nei ranghi. “Per altri stiamo facendo valutazioni visto che tra infortuni, squalifiche, defezioni varie, ogni settimana la rosa manca di qualche petalo” dice Tamai. Qualche giovane è nel mirino della Marignanese Cattolica, ma ancora nulla è definito. Nessuno ha chiesto di essere ceduto, a parte Rivi.
Quan top al secondo portiere, tre i nomi in lizza: Adorni (2000), nell'ultima stagione al mantova (18 presenze); Andrea De Carlo (2000) del Delta Rovigo ex Ponsacco e Real Forte Querceta,; Alessandro Guerri (2001) cresciuto alla Scuola Calcio Perugia ora all'Acireale, ex San Donato Tavernelle. “Puntiamo sull'under perchè in caso di utilizzo potremmo schierare un over in campo” spiega Tamai.

Stefano Ferri

< Articolo precedente Articolo successivo >