Domenica 05 Dicembre05:18:54
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Basket B, coach Massimo Bernardi: 'Il successo su Imola è una impresa straordinaria'

"Abbiamo voluto vincere a tutti i costi. Speriamo di essere al completo al più presto'

Sport Rimini | 23:06 - 17 Gennaio 2021 La panchina di RivieraBanca carica i compagni (Foto Nicola De Luigi) La panchina di RivieraBanca carica i compagni (Foto Nicola De Luigi).

A fine gara il coach Massimo Bernardi è molto soddisfatto. "I ragazzi hanno fatto un'impresa stratosferica, eravamo in condizioni non ottimali e penso si sia visto in alcuni momenti. Ringrazio Rivali perchè è andato oltre alle previsioni oggettive, è stato bravissimo:  - ha commentato il coach - ha guidato bene la squadra e fatto le giocate nel momento giusto. I ragazzi sono stati tutti bravi, abbiamo voluto vincere questa partita a tutti i costi contro la sfortuna, una squadra molto forte e qualche situazione penalizzante a livello di falli: nell'ultima azione dell'alley-oop c'era una piccola spinta a Mladenov, nonostante questo abbiamo vinto bene con un buon divario che è sempre cosa importante in un'eventuale differenza canestri finale."

Il ritorno di Rivali, le ottime prestazioni di Moffa e Mladenov. Cosa le ha più soddisfatto di questa partita?

"Mladenov e Moffa sono stati molto bravi così come lo sono stati tutti perchè ognuno ha messo un mattone importante per la vittoria. Rivali è stato strepitoso data la sua condizione, un grosso ringraziamento anche al nostro capitano Rinaldi che ci ha indicato la strada per vincere la partita: si è tuffato come un leone sulle palle vaganti, preso rimbalzi, fatto 2/2 ai tiri liberi in un momento importante e preso sfondamenti. E' stato veramente molto bravo."

 Qual è il bilancio al termine del girone di andata? Che previsioni ci sono per quello di ritorno?

"Secondo me non bisogna fare bilanci anche perchè la nostra squadra è ingiudicabile non essendo mai stata al completo soprattutto nel ruolo di playmaker: abbiamo sempre dovuto giocare con un play solo e costringere Mladenov a spersonalizzarsi un po' essendo un giocatore totalmente istintivo. Non siamo giudicabili dal punto di vista tecnico-tattico, ma sulla serietà del lavoro e del carattere: non siamo mai morti, reagiamo sempre. Questa è una bella risposta, speriamo di avere salute e playmaker nel futuro e di poter schierare la squadra al completo soprattutto in quel ruolo: abbiamo bisogno di Rivali e Simoncelli che dettino il ritmo del gioco."

 

< Articolo precedente Articolo successivo >