Mercoledý 03 Marzo10:11:48
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Regione arancione, no agli spostamenti fuori Comune per raggiungere i servizi alla persona

Insorge la Cna, Ranucci: "Una restrizione poco comprensibile, visti gli investimenti in sicurezza"

Attualità Rimini | 12:50 - 15 Gennaio 2021 Simonetta Ranucci Simonetta Ranucci.


Con l’Emilia-Romagna nella zona arancione resta esclusa la possibilità degli spostamenti intercomunali per i servizi alla persona (acconciatori, estetisti, tatuatori), a meno che nel territorio comunale non si registri l’assenza di tali attività. Un divieto che, tranne la breve parentesi con i giorni di zona gialla “rafforzata” durante le festività, dura ormai dallo scorso 15 novembre e che sta mettendo a dura prova la tenuta di parrucchieri ed estetisti del territorio.

“Di fatto, questi operatori pur rimanendo aperti vedono il proprio giro d’affari di gran lunga ridimensionato, con gravi ripercussioni. Non dobbiamo dimenticare che queste imprese applicano ferrei protocolli di sicurezza, ricevono per appuntamento la propria clientela e garantiscono il contingentamento dei flussi e hanno fatto della personalizzazione del servizio il loro punto di forza”, spiega Simonetta Ranucci, portavoce provinciale e regionale di Cna Benessere e Sanità settore estetico.“Sarebbe una soluzione quella di poter permettere di giustificare gli spostamenti per recarsi dal proprio parrucchiere o estetista di fiducia, almeno nell’ambito della propria provincia. Queste imprese peraltro sono anche escluse dai ristori previsti dai decreti nazionali perché sulla carta possono continuare a svolgere la nostra attività e per questo hanno anche investito tempo e denaro per rispettare i protocolli di sicurezza: un paradosso letale per le imprese”. 
 

Come ha rivelato Unioncamere regionale, il 14% delle imprese artigiane pensa di abbassare definitivamente le saracinesche nel 2021. Non ci stupiremmo se molte di queste fossero imprese di questi settori, molto probabilmente quelle dei piccoli comuni. È evidente" conclude la Ranucci "come la loro chiusura possa contribuire all’impoverimento delle zone più fragili del nostro territorio”.
 

< Articolo precedente Articolo successivo >