Mercoledý 20 Gennaio17:17:54
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcio dilettanti, il presidente del Crer Alberici rassicura la Romagna: 'E' fondamentale'

'La nostra è una regione unita, non esiste una contrapposizione tra Emilia e Romagna'

Sport Rimini | 18:33 - 14 Gennaio 2021 Calcio dilettanti, il presidente del Crer Alberici  rassicura la Romagna: 'E' fondamentale'

"Non esistono l'Emilia e la Romagna come due territori distinti e contrapposti, ma esiste l'Emilia Romagna, una regione unita, solida, compatta, pronta a lavorare insieme per realizzare il cambiamento". Sono parole di coesione quelle pronunciate dal nuovo Presidente del Crer, Simone Alberici. Il quarantenne Avvocato parmense sa esattamente cosa fare per realizzare il sogno delle Società, di cui in campagna elettorale si è fatto portavoce. Un centravanti di sfondamento capace di far breccia in un sistema che i Club per primi hanno ritenuto superato. "Il mio ruolo – spiega Alberici – è stato quello dell'ariete; ho aperto la strada per permettere alla mia squadra di passare e di iniziare a lavorare per riportare le Società al centro del movimento".
Un progetto ambizioso, nonostante qualche detrattore abbia subito fatto notare l'insolita mancanza di rappresentatività della Romagna in Consiglio Regionale, in cui siedono soltanto Consiglieri emiliani. Un problema solo fittizio, però, perché la "visione" del Presidente va oltre e ambisce ad allargare ulteriormente, e non a restringere, il concetto di democrazia.
"Prima delle elezioni – spiega infatti Alberici - ho presentato solo cinque Consiglieri per permettere alle Società romagnole di votare i loro rappresentanti. Ma loro hanno preferito votare Consiglieri emiliani. pur di abbracciare il cambiamento. La realtà è che oggi in Romagna, così come nel resto della regione, parleranno direttamente i Club e lo faranno nelle Consulte che creeremo. Le Società saranno coinvolte in prima persona, potranno far sentire la loro voce, condividere le loro idee, manifestare le loro esigenze. Nessuno di loro si sentirà mai più abbandonato o non ascoltato, lo garantisco".
Il cambiamento, insomma, è già iniziato e promette di fare tanta strada, spinto dalla forza delle Società, sempre più unite e compatte, e dall'energia del Presidente Alberici, pronto a intraprendere una battaglia rivoluzionaria.
"L'onda del cambiamento si è ingrossata fino a travolgere l'intera regione che ha scelto di cominciare un nuovo percorso. Non ci fermeremo qui. Sono convinto che la forza straordinaria della nostra proposta travalicherà i confini dell'Emilia Romagna e coinvolgerà tutto il territorio nazionale".
 

< Articolo precedente Articolo successivo >