Sabato 23 Gennaio15:43:18
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rissa tra giovani, il Comune stigmatizza l'episodio: "No a strumentalizzazioni"

"Pensare di risolvere un disagio giovanile diffuso con azioni repressive è fuori luogo"

Attualità Santarcangelo di Romagna | 14:24 - 11 Gennaio 2021 Un frame del video che gira sui social Un frame del video che gira sui social.

Sulla rissa a suon di sberle e cazzotti tra ragazzi avvenuta sabato 9 gennaio a Santarcangelo, in piazza Ganganelli, interviene l’amministrazione comunale stigmatizzando l’episodio, ma sollecitando a non strumentalizzare l’accaduto. Era stata dura la nota della Lega su quanto accaduto, che aveva accusato l’amministrazione Parma di aver dimenticato i giovani (QUI la news)
 

“Episodi analoghi si stanno verificando in diverse parti d’Italia – si legge in una nota dell’amministrazione - e la matrice è spesso riconducibile ad un unico fattore: dopo quasi un anno di restrizioni imposte dall’emergenza sanitaria, di distanziamento sociale, di didattica a distanza e sospensione delle attività culturali e sportive, il disagio fra i più giovani si fa sentire.
 

È evidente che si tratta di un costo altissimo soprattutto in termini di socialità che gli adolescenti, ma anche le famiglie, stanno pagando per un’evenienza mai verificatasi prima nella portata che stiamo vivendo, con conseguenze pesantissime dal punto di vista economico e sociale”.
 

Tuttavia ciò non giustifica atti violenti e, ancor più le violazione alle norme di sicurezza anti Covid “ma pensare di risolvere un disagio giovanile diffuso di questa portata con azioni repressive o apostrofando in malo modo i ragazzi appare quanto meno fuori luogo e lontano dalla realtà che stiamo vivendo.

In questi mesi di pandemia l’Amministrazione comunale di Santarcangelo ha messo in campo decine di iniziative soprattutto di stampo culturale, parte delle quali ovviamente fruibili attraverso i canali social, mentre forme di sostegno alla pratica sportiva hanno trovato l’ostacolo delle restrizioni necessarie a contenere la seconda ondata del virus.
 

A chi invoca maggiore sicurezza, in ogni caso, diciamo che quella piazza era presidiata dalla Polizia locale, intervenuta immediatamente con una pattuglia che, senza la necessità di essere allertata, ha posto fine alla lite violenta e all’assembramento dei giovani”.

< Articolo precedente Articolo successivo >