Domenica 17 Gennaio06:45:40
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

La prostituzione a Rimini non si ferma nonostante il Covid e i controlli, pronta nuova ordinanza

229 i verbali fatti dalla Polizia locale per violazione dell’ordinanza precedente in vigore dal 25 maggio al 31 ottobre

Cronaca Rimini | 14:20 - 07 Gennaio 2021 Prostitute in strada Prostitute in strada.


Entrerà in vigore da domenica prossima - 10 gennaio - e fino al 31 maggio 2021, l’ordinanza contingibile e urgente anti prostituzione, predisposta dal Comando di Polizia Locale del Comune di Rimini.

L’ordinanza ricalca l’impianto del provvedimento già adottato per la stagione estiva, concentrandosi su quelle aree dove il fenomeno della prostituzione su strada si registra con una maggiore intensità. Zone e vie che tengono conto anche delle segnalazioni arrivate dai cittadini.

Nello specifico il provvedimento sarà valido sulle seguenti strade: viale Porto Palos, viale Regina Elena, viale Regina Margherita viale Principe di Piemonte, Viale Cavalieri di Vittorio Veneto, Via Teramo via Foglino, via Mosca, Via Losanna, Via Guglielmo Marconi, viale Parma, viale Bari, viale S. Francesco, viale Messina, Viale Leopardi, Viale Trento viale Rapallo, viale Matera, Viale Mantova, su tutta la strada statale “S.S. 16” - compresa tra il confine con il Comune di Bellaria Igea-Marina il Comune di Riccione, in Piazzale Cesare Battisti, corso Giovanni XXIII, via Savonarola, via Mameli, via Ravegnani, via Graziani, via Dardanelli, piazzale Carso, via Principe Amedeo, via Varisco, viale Eritrea, via Novara, Via Tolemaide, nonché nelle aree adiacenti alle suddette strade ed in prossimità delle loro intersezione.

"Un atto che consentirà di dare continuità all’attività di prevenzione e contrasto allo sfruttamento della prostituzione, oltre ad arginare i fenomeni di degrado urbano ad esso collegati", spiega l'amministrazione comunale di Rimini. Con l’ordinanza precedente in vigore dal 25 maggio al 31 ottobre sono stati 229 i verbali elevati.

Nonostante il lockdown i servizi della Polizia Locale non si sono fermati, né rallentati – aggiunge l’assessore Jamil SadegholvaadAl contrario, oltre ai servizi legati alla prevenzione, presidio e controllo legate alla pandemia, la polizia locale ha tenuto alta l’attenzione sui campi di intervento da sempre presidiati, dal controllo per la sicurezza sulle strade fino alle attività antidroga, compreso l’attività a contrasto della prostituzione. Un impegno che continuiamo a portare avanti, seppur con armi legislative come sappiamo spuntate, a contrasto di un fenomeno criminale e che contribuisce alla percezione di insicurezza dei cittadini”.

SANZIONI Attraverso l’ordinanza potranno essere puniti con una sanzione amministrativa pecuniaria fino a 500 euro (400 euro se pagati entro 60 giorni) tutti coloro che porranno in essere comportamenti diretti ad offrire prestazioni sessuali a pagamento e chi sarà sorpreso a richiedere informazioni a questi soggetti, concordando l’acquisizione di prestazioni sessuali a pagamento. In particolare sono colpiti con sanzione amministrativa coloro che pongono in essere comportamenti diretti in modo non equivoco ad offrire prestazioni sessuali a pagamento. Sarà inoltre vietata la richiesta di informazioni a soggetti che pongano in essere tali comportamenti o concordare l’acquisizione di prestazioni sessuali a pagamento, mentre saranno sanzionati anche a norma del Codice stradale quei conducenti che, in questi frangenti, effettueranno manovre pericolose o di intralcio alla circolazione stradale.  Le violazioni previste dall’ordinanza si applicheranno in concorso anche con le violazioni previste dalle norme vigenti per il contenimento e contrasto alla diffusione del COVID-19.  L’ordinanza prevederà inoltre che qualunque fatto o atto ritenuto rilevante ai fini fiscali riscontrato dagli agenti nell’ambito dell’attività di controllo sarà portato a conoscenza dell’Agenzia delle Entrate e del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Rimini per eventuali valutazioni.