Venerd́ 22 Gennaio04:13:46
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Covid: atteso ok per vaccino Moderna. Aifa: "in due mesi e mezzo Rsa e ospedali al riparo"

Piano vaccinale: "Sta andando bene, rispetto a impegno e vastità"

Attualità Nazionale | 14:52 - 05 Gennaio 2021 Nicola Magrini, direttore Generale dell'Aifa Nicola Magrini, direttore Generale dell'Aifa.

"Nel rispetto delle istituzioni e delle regole domani l'Ema dovrebbe concludere la valutazione di Moderna. Il 7 gennaio l'Italia dovrebbe decidere la collocazione del vaccino nel sistema nazionale. Sono stati gli studi effettuati dalla ditta il motivo del ritardo, la loro analisi è complessa. I due vaccini, Pfizer e Moderna, sono molto simili per non dire identici". Lo ha detto Nicola Magrini, direttore Generale dell'Aifa, intervenendo a Radio anch'io su Rai Radio1. "Essendo arrivati a 180mila vaccinazioni gli effetti indesiderati sono minimi, nessun sostanziale effetto grave - ha aggiunto - Rispetto ai due vaccini non può decidere il singolo quale fare. Le commissioni tecniche decideranno, vanno programmati interventi di sanità pubblica". Magrini ha poi sottolineato che "le dosi che abbiamo basteranno, nei prossimi due mesi e mezzo, a rendere ospedali e Rsa covid free. Con la prima dose c'è una copertura parziale, la copertura completa si raggiunge con la seconda dose". Da ricordare che nella nostra regione l'obietivo è partire per la campagna di vaccinazione il 1 marzo pre tutte le categorie, obiettivo che dovrebbe essere raggiunto grazie al vaccino di Moderna (con il via libera per il vaccino di Astra-Zeneca, la vaccinazione dovrebbe poi proseguire spedita da marzo all'estate). Proprio riguardo al piano vaccinale, il direttore Generale dell'Aifa ha spiegato che "sta andando molto bene rispetto all'impegno e alla vastità. C'è un sistema online che mostra l'andamento regionale, alcune regioni potrebbe comportarsi meglio ma sta andando bene". "In merito alla cura monoclonale - ha poi concluso Magrini - siamo all'approvazione della fase 1 che dovrebbe avvenire nelle prossime settimane, occorreranno 3 o 4 mesi per l'approvazione finale". 

 

< Articolo precedente Articolo successivo >