Domenica 17 Gennaio07:23:02
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Decreto-ponte, scuole riaperte tra il 7 e l'11 gennaio. Zona gialla rafforzata e weekend arancioni

Tutte le novità dall'ultimo consiglio dei ministri per il dopo festività, in vigore fino al 15 gennaio

Attualità Emilia Romagna | 09:14 - 05 Gennaio 2021 Il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia (foto Ansa) Il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia (foto Ansa).


Scuole superiori riaperte dall'11 gennaio (elementari e medie invece torneranno in classe regolarmente giovedì 7, ndc), weekend del 9 e 10 gennaio arancione per tutta Italia mentre negli altri giorni vigerà una fascia gialla nazionale "rafforzata", con stop agli spostamenti tra regioni (se non per comprovate esigenze). Sono le misure che il Consiglio dei ministri ha varato lunedì sera, dando il via libera al cosiddetto nuovo decreto-ponte: entreranno in vigore giovedì fino a venerdì 15 gennaio. Una settimana di prova per attendere l'esito dei monitoraggi sull'andamento della pandemia nella coda delle festività natalizie e capire se il lockdown scaglionato ha funzionato oppure no a rallentare il contagio da nuovo coronavirus.

Il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia ha annunciato l'inasprimento delle soglie Rt (quelle che determinano i cambi di colore delle regioni e il conseguente inasprimento delle misure anti-Covid), con salto di soglia già a partire dallo sforamento dell'1, il valore limite.

Intanto Veneto, Friuli Venezia Giulia e Marche annunciano lezioni a distanza per gli studenti della secondaria di secondo grado fino al 31 gennaio, ma su questo punto la riunione a palazzo Chigi di lunedì sera si sarebbe arroventata, tanto che il ministro Boccia avrebbe chiesto di ritirare le ordinanze già firmate per uniformare la situazione in tutta Italia. Staremo a vedere.