Martedý 19 Gennaio19:04:35
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Marinai di salvataggio ancora esclusi dai bonus Covid, a Rimini infiamma la protesta

La richiesta dell'associazione è la modifica ai decreti per permettere a tutti di ottenere gli aiuti economici

Attualità Rimini | 07:59 - 31 Dicembre 2020 I marinai di salvataggio della provincia di Rimini I marinai di salvataggio della provincia di Rimini.


Chiamateli "marinai di salvataggio", "professionisti della sicurezza" o  "lavoratori stagionali del turismo", ma non "bagnini" (che sono tutt'altra categoria). Perché nonostante l'inquadramento professionale sia quello giusto, l'intera categoria ancora non ha ricevuto i bonus destinati ai lavoratori dipendenti e freelance per riparare - anche se solo in minima parte - alle perdite finanziarie causate dall'emergenza coronavirus. E allora quale occasione migliore degli auguri di fine anno per i marinai della provincia di Rimini per condividere la speranza di un 2021 «nel segno della rinascita sociale e della ritrovata sicurezza personale, con un'organizzazione del servizio adeguata visto che la professione del salvataggio in spiaggia implica responsabilità, disciplina, preparazione nonché costante aggiornamento delle tecniche di intervento, recupero e rianimazione. Noi svolgiamo questo incarico con passione e professionalità nonostante i pericoli in mare e quest'anno anche della pandemia, e siamo ancora tra le categorie rimaste escluse dall'accesso ai bonus previsti dagli ultimi decreti governativi, aggiungendo così all’incertezza per il nostro lavoro anche l'incognita economica. Ci auguriamo che gli ultimi incontri, avvenuti nelle sedi istituzionali, siano d'aiuto per un futuro meno incerto e più sereno».

In una lunga lettera pubblicata anche su Facebook, l'associazione riminese chiede in modo perentorio la modifica dei tre decreti (Ristori, agosto, Rilancio) per poter permettere alla categoria l'accesso al bonus economico che per quanto simbolico, almeno in termini numerici, può fare la differenza non solo per le tasche di qualche famiglia, ma soprattutto per la dignità dell'intero settore.