Mercoledý 20 Gennaio05:33:37
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

70 anni di matrimonio ai tempi del Covid: Cattolica in festa per Amerigo e Palmina

Prima della pensione hanno gestito per anni tre alberghi

Attualità Cattolica | 11:34 - 26 Dicembre 2020 Palmina e Amerigo Gallori Palmina e Amerigo Gallori.


I Cattolichini Amerigo e Palmina uniti in matrimonio da 70 anni. Una ricorrenza che non può passare inosservata e che i due coniugi celebrano oggi (sabato 26 dicembre), attorniati dall'affetto dei familiari. Amerigo Gallori è nato a Gradara il 27 maggio del 1923, la moglie Palmina Livi è nata a San Clemente il primo giugno del 1925. Si sono sposati per procura il 26 dicembre del 1950.

"Mio padre in quegli anni - racconta la figlia Graziella - si trovava in Argentina, a Buenos Aires, per lavorare come muratore. Mia madre era a San Giovanni in Marignano e si è presentata all'altare al braccio di suo suocero. Aveva scatenato le chiacchiere delle signore del paese che si stupivano del fatto che una bella e giovane ragazza sposasse un signore tanto anziano. Solo dopo il matrimonio mia mamma ha potuto raggiungere papà a Buenos Aires, imbarcandosi in nave e attraversando l'oceano per più di un mese. Nel 1955 sono tornati a Cattolica con me, unica figlia, che avevo appena 1 anno. Da allora hanno sempre vissuto qui".

Amerigo e Palmina sono nonni di due nipoti, Lucia e Giulia, che li hanno resi bisnonni di 5 pronipoti: Pietro, Vittoria, Leonardo, Lia e Ilaria. Amano profondamente Cattolica, hanno gestito per anni tre alberghi ed accolto con passione e professionalità tanti turisti, specialmente tedeschi.

"Una volta in pensione - spiega ancora Graziella - mia mamma si è dedicata ai viaggi in tutto il mondo, mentre il mio babbo la aspettava a casa in attesa di vedere le videocassette che lei puntualmente gli portava dalle tante mete. Ancora oggi, nonostante l'età, è facile incontrarli a spasso per Cattolica, sul lungomare e al porto".

Dall'amministrazione comunale di Cattolica in una nota arrivano gli auguri per questa coppia che celebra le "nozze di ferro".