Venerd́ 22 Gennaio05:09:19
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

La sfida del 2021 per il Cna Rimini: tenere in piedi le piccole imprese

Tra le proposte affitti calmierati, meno burocrazia per i ristori e stop sanzioni

Attualità Rimini | 13:29 - 21 Dicembre 2020 Una protesta simbolica del Cna Rimini Una protesta simbolica del Cna Rimini.


Artigiani, commercianti, pubblici esercizi riminesi sono aggrappati alla speranza che il 2021 rappresenti l'inizio di una ripresa economica e di una stagione di riforme volte ad una vera semplificazione. Di qui alcune proposte del Cna locale alle amministrazioni comunali per sostenere la ripresa delle piccole imprese.


Ristori senza burocrazia

Alleggerire i processi decisionali e semplificare le procedure a tutti i livelli. Anche semplicemente per la gestione dei ristori a livello locale adottare misure semplici, favorire autocertificazioni adottando protocolli di controllo successivo. 

Affitti calmierati

Ripopolare commercialmente i centri storici e naturali deve diventare una missione a favore della comunità. Il vero costo non più sopportabile per i bilanci delle imprese è legato all’affitto: occorrono misure straordinarie, dalla regia di un protocollo/accordo con i proprietari al sostegno vero e proprio che consenta di calmierare questa voce di spesa non solo per le attività nei centri storici.

Tax free three

Sostenere l’avvio d’impresa con riconoscimento di un contributo a fondo perduto una tantum calcolato sui costi di avvio sostenuti (beni strumentali, utenze, affitto, spese impianto e costituzione). Questa misura, già presente in diversi Comuni, andrebbe adottata da tutte le amministrazioni e semplificata. In aggiunta, esonerare per i primi tre anni di vita dalla tassa sui rifiuti, quella sul suolo pubblico, quella sulla pubblicità e sulle addizionali, può diventare un aiuto concreto per favorire la nascita e i primi complicatissimi anni di vita di un’impresa.

No ranzioni, sì rateiazzazioni

Per tutto il 2021 sulle forme di tassazione locale prevedere l’annullamento delle sanzioni per i ritardati pagamenti e forme straordinarie di rientro rateizzato senza interessi.

Reti digitali ed economia green

Un programma di investimenti pubblici nelle reti a fibra ottica dei poli produttivi e la semplificazione dei procedimenti per il rilascio delle concessioni edilizie, devono essere alla base dei programmi di tutte le amministrazioni, dalle locali alle regionali.

Lavoro d'impresa

Le tante e giuste risorse destinate oggi al sostegno sociale di prima necessità possono essere in parte destinate anche a diminuire in modo consistente il costo del lavoro. A tal proposito sarebbe utile sostenere strumenti già esistenti che perseguono proprio questo obiettivo, come il Fondo per il lavoro della Caritas diocesana.
 

< Articolo precedente Articolo successivo >