Marted́ 19 Gennaio12:30:33
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

VIDEO Se è notte, si farà giorno: la nona di Beethoven inno alla speranza dal tetto di Rimini

Al violino Federico Mecozzi, racconta l'alba di una nuova era: video sul tetto del grattacielo

Attualità Rimini | 09:00 - 17 Dicembre 2020

Dopo appena un giorno dalla sua uscita, ha già conquistato oltre 7 mila visualizzazioni su Youtube e più di 1400 interazioni solo sulla pagina Facebook del Comune di Rimini il video “Sl’è nota us’ farà dè”, un messaggio di speranza per uscire dai tempi bui che stiamo attraversando con rinnovata energia e sempre più ingegno. L'uscita della canzone coincide con i 250 anni dalla nascita di Ludwig van Beethoven, ecco spiegata la scelta di musicare in versione inedita la Nona sinfonia, l'inno d'Europa, con la partecipazione del noto violinista riminese Federico Mecozzi.

Dal tramonto all'alba, il video girato interamente sul grattacielo di Rimini, con spezzoni dal centro storico, tra le luci di piazza Cavour e l'arco di Augusto, il ponte di Tiberio e castel Sismondo ha visto la partecipazione anche di Anselmo Pelliccioni (violoncello), Veronica Conti (violoncello), Cristian Bonato (produzione, synth, harmonium), Stefano Zambardino (pianoforte, synth), Massimo Marches (chitarra, synth), Tommy Graziani (percussioni). Il brano è disponibile su tutte le piattaforme digitali.
 

«In questo buco della storia è necessario in ogni modo stringersi come comunità e provare a vedere un orizzonte e una luce», sottolinea il sindaco Andrea Gnassi. «Beethoven considerava la musica come l’arte più nobile ed elevata e scrisse questa musica quando ormai era completamente sordo. Oggi che siamo tutti fragili, colpiti al cuore, ma Rimini vuole rilanciare il messaggio dei nostri vecchi, “sl’è nota us’ farà dè”, per tenere duro una volta in più e provare a uscirne insieme. Un messaggio di fratellanza e solidarietà in questo tempo sospeso».