Sabato 23 Gennaio18:04:26
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Al via lavori nuova Ferrari di Rimini, prima scuola con protezione in caso di terremoto

L'innovativa struttura costerà al comune 4 milioni più 900.000 euro di contributi statali

Attualità Rimini | 13:23 - 16 Dicembre 2020 Rendering della nuova scuola Ferrari di Rimini Rendering della nuova scuola Ferrari di Rimini.


È iniziata questa mattina (mercoledì 16 dicembre) la demolizione della scuola “Ferrari” di Rimini, che sarà subito ricostruita per consentire, nell’anno scolastico 2021/22,  il regolare avvio di tutte le attività previste. La nuova scuola avrà un ridotto impatto ambientale grazie al forte risparmio energetico e inoltre sarà il primo edificio scolastico del comune di Rimini ad installare un innovativo e particolare sistema, posto alla base, in grado di consentire un’ampia deformabilità alla sovrastruttura, e isolarla dagli effetti di un terremoto. L’intero progetto, comprensivo anche della demolizione della vecchia struttura, avrà un costo complessivo di 4.900.000 euro, cofinanziato per 900.000 del Ministero dell’Istruzione. 

Il progetto si sviluppa strutturalmente su due corpi di fabbrica: uno per la scuola, su tre piani, che ospiterà le due sezioni dell’infanzia e i due cicli di primaria, e l’altro per la palestra, sviluppato su due livelli per ospitare al piano primo i locali per un innovativo centro civico cittadino. Previsto anche un giardino pensile sopra il tetto della palestra, pensato come uno spazio multifunzionale e flessibile, che, durante l’orario scolastico, potrà essere utilizzato come un’estensione all’esterno delle attività didattico-educative e laboratoriali legate alla scuola; in orario extrascolastico invece sarà usato come uno spazio pubblico al servizio della comunità.

Oltre alla sistemazione esterna dell’area verde - e considerando l’ubicazione urbana fortemente antropizzata della scuola - è previsto l’inserimento di sistemi di pareti verdi in facciata che seguiranno la geometria verticale dell’edificio, con una vegetazione che verso l’alto.

< Articolo precedente Articolo successivo >