Sabato 23 Gennaio23:49:09
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Mobile Gaming: il futuro è già qui, grazie all'arrivo di smartphone e tablet sempre più performanti

Alcune ipotesi su come muterà il settore nei prossimi mesi

Attualità Nazionale | 12:11 - 15 Dicembre 2020 Gaming mobile Gaming mobile.

Negli ultimi anni il gaming mobile si è affermato come uno dei settori più interessanti e aperti all'innovazione di tutto il comparto dell'intrattenimento online. Grazie all'arrivo negli store di smartphone e tablet sempre più performanti (alcuni di essi ideati e creati proprio per il gaming) e alla decisione dei grandi brand di puntare in maniera decisa su giochi per dispositivi di ultima generazione, il comparto ha toccato il 60% del mercato gaming globale nel 2019 e alla fine di questo 2020 potrebbe toccare la cifra record di 100 miliardi di introiti. Un trend di crescita impressionante che ci proietta direttamente nel futuro e che ci porta a fare alcune ipotesi su come muterà il settore nei prossimi mesi.

Secondo l'agenzia di marketing App Annie, a dare la prima, decisiva, spinta al boom sono stati i giochi dal gameplay più semplice e che incoraggiano a giocare brevi e frequenti sessioni. Ed è proprio in questo contesto che operatori di casinò online come PokerStars Casinò e case produttrici di videogiochi come Bethesda e Epic Games hanno lanciato da qualche anno le versioni mobile dei loro titoli di maggior successo. Versioni meno “complesse” di quelle per desktop o console, ma non per questo meno giocate o meno divertenti. Ma, al contrario, apprezzate da un pubblico molto più ampio e diversificato.

Dopo la svolta iniziale dei giochi più semplici, però, è partita la caccia alle prestazioni e gli stessi titoli mobile si sono fatti sempre più curati e tecnologicamente avanzati, tanto da avvicinarsi moltissimo ai “fratelli maggiori” per postazioni fisse. Una corsa al miglioramento che ha avuto anche un altro effetto: quello di allargare il mercato dei competitor nel campo dell'hardware. Se fino a qualche anno fa vivevamo praticamente in una situazione di duopolio Apple/Samsung, nelle ultime stagioni abbiamo assistito all'arrivo di Xiaomi, Oppo, Asus, Vivo e Huawei, pronti a dare battaglia e a spostare verso l'alto l'asticella della qualità dei dispositivi configurati per il gaming.

Ma la rivoluzione non è certo finita e il prossimo futuro potrebbe portare importanti novità per gli amanti del gaming in mobilità. Il cloud Gaming e la crescita di servizi come Google Stadia e xCloud di Microsoft porteranno su smartphone e tablet giochi premium sempre più impegnativi e nati per il mercato console. Serviranno dunque smartphone ancora migliori. E l'arrivo del 5G darà l'ultima decisiva accelerazione verso una riduzione dei tempi di latenza, avvicinando ulteriormente le prestazioni dei due settori.

Accanto a quelle portate dal 5G si attendono grandi novità anche da realtà virtuale e realtà aumentata. Proprio quest'ultima è quella che sembra più adatta alla situazione attuale. A confermarlo è uno studio di Newzoo sul mercato americano: il 53% degli intervistati ha dichiarato di aver giocato con l'AR su mobile. Ed è per questo motivo che colossi come Google e Apple hanno raddoppiato le rispettive piattaforme dedicate e offrono già oggi molte app con doppia funzionalità, standard e AR.

Il mobile gaming, infine, è destinato a cambiare profondamente un altro settore in forte crescita, quello degli e-sport. Fino a poco tempo fa i videogiochi competitivi per smartphone e tablet erano considerati poco impegnativi e di scarso interesse all'interno della stessa comunità di giocatori professionisti. Eppure negli ultimi mesi è aumentata esponenzialmente la qualità e la quantità dei titoli per dispositivi mobili: basti pensare all'arrivo negli store di nomi altisonanti come Clash of Clans, Brawl Stars e PUBG Mobile.

VIDEO YOUTUBE

Un cambio deciso di prospettiva che secondo Patrick Carney, CEO di Tribe Gaming, deve molto a YouTube (e agli streamer di contenuti), piattaforma in cui quattro dei videogiochi più seguiti dagli appassionati sono proprio titoli mobile. Oltre all'esposizione, ha proseguito in una recente intervista Carney, è aumentata la qualità della proposta con lo sbarco di decine di giochi tripla A sugli smartphone di ultima generazione. E anche chi gioca in maniera costante inizia a guardare a questo campo con rinnovato interesse e a creare veri e propri team di professionisti.
 

< Articolo precedente Articolo successivo >