Domenica 24 Gennaio00:19:06
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Pennabilli piange la scomparsa di 'Gianni', grande amico di Tonino Guerra

A 84 anni è deceduto Gianfranco Giannini, citato da Guerra in un noto spot televisivo e fondatore della mostra dell'antiquariato

Attualità Pennabilli | 13:24 - 13 Dicembre 2020 Gianfranco Giannini detto Gianni Gianfranco Giannini detto Gianni.


A 84 anni è scomparso questa mattina (domenica 13 dicembre) a Pennabilli Gianfranco Giannini, conosciuto da tutti come Gianni, ex parrucchiere e amico fraterno di Tonino Guerra. Fu proprio Gianni a convincere il poeta romagnolo, a fine anni '80, a trasferirsi a Pennabilli (viveva infatti tra la città nativa, Santarcangelo, e Roma). In un celebre spot di una catena di elettronica di consumo ed elettrodomestici, Tonino Guerra nominava l'amico: "Gianni, l'ottimismo è il profumo della vita". Ma il motto di Gianni era diverso: "Non c’è nulla che non sia possibile". Il suo impegno è stato infatti fondamentale per trasformare il borgo dell'entroterra riminese in un vero e proprio centro culturale, partendo, nel 1970, dall'istituzione della notissima mostra mercato nazionale dell'antiquariato, nel 2020 purtroppo saltata, nell'anno della sua cinquantesima edizione, a causa della pandemia da nuovo coronavirus. E in questo processo di trasformazione di un borgo in un museo a cielo aperto, Tonino Guerra ebbe un ruolo fondamentale, coinvolto dall'amico in quella che quest'ultimo considerava la sua vera missione di vita: la ricerca della bellezza. Da buon "cacciatore di bellezza", Gianni visitava gli angoli più sperduti della Valmarecchia alla ricerca di "tesori": che fossero insediamenti romani o reperti antichi, ma anche vecchie case abbandonate, non importava. Tutto era memoria, tutto era ricordo, tutto era bellezza.  Si unì a lui Tonino Guerra, che conosceva Pennabilli e che volle incontrare a Santarcangelo il fondatore della mostra mercato nazionale dell'antiquariato: erano gli anni '80 e nacque un'amicizia che è durata decenni. "Oramai sono convinto che tutti gli interessi della mia vita siano questi viaggi lungo la valle in compagnia di Gianni", disse una volta il poeta e scrittore romagnolo. La scomparsa di Gianni, oggi, nell'anno in cui si celebra il centenario della nascita di Tonino Guerra, lascia un vuoto incolmabile nel cuore di tutti i suoi concittadini, che hanno perso una delle più grandi memorie storiche del territorio, una persona appassionata e generosa, infaticabile cultore della bellezza, un valore da riscoprire nei tempi bui di una pandemia. 

Riccardo Giannini
 

< Articolo precedente Articolo successivo >