Domenica 17 Gennaio03:12:07
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Un po’ di Rimini allo Zecchino d’Oro 2021, Fabrizio Bove firma la canzone ‘Il bambino e il mare’

Una canzone nata al tempo di Covid, sarà il piccolo Andrej Avella a cantarla

Attualità Rimini | 07:56 - 13 Dicembre 2020 Andrej Avella e Fabrizio Bove Andrej Avella e Fabrizio Bove.

Di Maria Assunta (Mary) Cianciaruso
 

In un anno così difficile, l’ Antoniano continua a restare vicino a tutti i bambini e alle loro famiglie con i contenuti inediti dello Zecchino d'Oro, in attesa della grande festa televisiva, rinviata a maggio 2021. E’ uscita infatti lo scorso venerdì 4 dicembre la compilation del 63° Zecchino d’Oro, disponibile in formato CD e digitale, contenente 14 nuovissimi brani e una bonus track,  sotto la direzione artistica del maestro Peppe Vessicchio. E a partecipare come autore anche il riminese di adozione Fabrizio Bove, con la canzone “Il bambino e il mare” interpretata da Andrej Avella, di 6 anni.
 

Fabrizio Bove, conosciuto a Rimini per i suoi progetti socio educativi, ha deciso di partecipare con questo brano assieme ai coautori Francesco Itri Tardi e Alessandro Casadei, un po’ per gioco. Circa 600 le canzoni iscritte per il concorso, ma la canzone “Il bambino e il mare” è stata scelta per la compilation e per l’edizione 2021. “Sono un impiegato statale e mi occupo al contempo di un progetto musicale, fumettistico e socio educativo per bambini – Piadyno – la parte musicale è sempre “work in progress”, noi scriviamo canzoni per bambini e  con i ragazzi che collaborano con me, ci siamo detti: ‘Perché no? Male che vada non la prendono. E invece tra le 600 arrivate da giudicare, la nostra la canzone è stata scelta, una grande bella sorpresa e sarà una bella esperienza nonostante le limitazioni del caso”.
 

UNA CANZONE NATA AL TEMPO DI COVID

La canzone è stata scritta e registrata a febbraio, “poi l’abbiamo inviata allo “Zecchino d’Oro”, a marzo è arrivata la notizia bellissima che eravamo stati selezionati tra le 14 canzoni in gara nell’edizione canora”.

Edizione che si sarebbe dovuta tenere a dicembre, ma, per via del Covid, è slittata a maggio. Tuttavia gli autori non si sono ritratti alla tradizione di pubblicare le canzoni proprio a ridosso delle feste natalizie. “Quella di maggio sarà un’edizione strana, una festa liberatoria, scacciapensieri”.
 

IL BAMBINO E IL MARE

Se il nostro mare ha perso il suo splendido colore naturale, forse è davvero arrivato il momento di fare qualcosa per salvarlo dall'inquinamento. Per provarci, forse, è necessario chiedere a "sua maestà il mare" in persona: non si può più aspettare! Da cosa partire per cambiare le cose?

“Di canzoni sull’inquinamento ce sono tante – spiega Fabrizio – abbiamo allora immaginato questo simpatico dialogo tra un bambino e il mare, che  ci insegna che solo una ciurma speciale formata da tutti noi può avere il potere di migliorare ciò che ci circonda. Il mare dice di avere il colore del tè, la medusa è innamorata di una busta abbandonata e il bambino la prende come una missione: se con una canzone riusciamo a esporre questa grave situazione anche ai più piccoli, è una cosa stupenda. E’ un po’ scatenata come canzone, un po’ fuori dai target delle canzoni dello Zecchino d’Oro, divertente”.
La cosa strana è che Andrej, l’interprete e concorrente del concorso canoro, non ha mai incontrato gli autori, “ci sentiamo con la mamma anche perché fino all’ultimo non sapevamo nulla. E’ un bambino vivace che rappresenta appieno la canzone, orecchiabile, fresca e allegra, invoglia a ballare”.
 

IL PROGETTO PIADYNO E IL FUTURO

Fabrizio con i suoi “soci” porta avanti da tre anni un progetto molto particolare, educativo che porta in giro nelle scuole, negli ospedali e nelle associazioni, tra i bambini, Piadyno.

“Stiamo continuando a produrre musica e fumetti che vengono pubblicati sulla stampa locale. Il progetto futuro è di mettere su un cartoon, con una new entry nella squadra, un fumettista che ha studiato a Los Angeles. Il nostro è un progetto che va avanti con le nostre forze e speriamo di ritornare a dare un po’ di gioia ai bambini ricoverati in ospedale”.
 

LA COMPILATION E GLI AUTORI

Tra gli autori delle canzoni alcune firme note, come Simone Cristicchi, Francesco Tricarico, Leonardo Pieraccioni e Paolo Belli.

I brani sono interpretati da 16 piccoli solisti, dai 4 ai 9 anni, provenienti da 8 diverse regioni di Italia e accompagnati immancabilmente dal Coro dell’Antoniano, diretto da Sabrina Simoni.

In concomitanza con l’uscita della compilation verrà messa on line per la prima volta una piattaforma con cui si potrà giocare allo Zecchino d'Oro da casa propria. Così Antoniano lancia l'hashtag #ZecchinodOroSempreConTe e resta accanto a tutte le famiglie regalando contenuti speciali. Scaricabili gratuitamente dalla piattaforma: i testi delle nuove canzoni da cantare, i cartoni animati da colorare, le palette per votare e tanto altro su zecchinodoro.org/sempreconte