Venerd́ 22 Gennaio23:16:56
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Presepi dal Mondo Itineranti nelle vetrine del centro di Rimini

Periodo di svolgimento: dall'8 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021

Eventi Rimini | 08:53 - 10 Dicembre 2020 I presepi sono in mostra presso numerosi negozi di Rimini I presepi sono in mostra presso numerosi negozi di Rimini.

Quest'anno la mostra dei Presepi dal Mondo torna, per la XXVII edizione, in modalità itinerante nelle vetrine dei negozi del centro storico, per consentire l’esposizione dei presepi in totale sicurezza. Numerosi i negozi del centro storico che hanno messo a disposizione la propria vetrina per dare spazio a una natività proveniente da diverse parti del mondo. In alcuni casi la vetrina è stata allestita insieme agli immigrati che hanno dato la propria disponibilità per preparare il presepe della propria nazione, in altri casi il presepe è stato offerto dalla Caritas diocesana al negoziante che lo ha poi messo in mostra nella propria vetrina. In tutto venti presepi in diciassette negozi porteranno la speranza e la bellezza del Natale in città, evitando situazioni di assembramento e permettendo una visibilità della mostra dall’esterno e allo stesso tempo sostenere la rete delle attività economiche e far sentire le comunità migranti presenti nella diocesi. 

I 20 presepi sono in mostra presso i negozi: Pacha mama, Graziella baby, Le ragazze di Massari, Macelleria Drudi, Coffee shop, Barbato boutique, Generazione casa, Pasticceria di porta montanara, foto Amedeo, Cose di sogno, Bagaglino, Coltelleria Nando, Pasticceria Jolli, Merceria Cherì. Inoltre hanno aderito all’iniziativa: il Tempio Malatestiano, che ha ospitato il presepe più grande di questa collezione; i ragazzi dell’Enaip che hanno realizzato il presepe presso l’Arco d’Augusto; i profughi ospiti della Laudato Sii che hanno creato delle decorazioni natalizie esposte nelle finestre della struttura della Caritas che li ospita e le volontarie del negozio Lazzaro che, durante tutto l’anno, danno nuova vita e bellezza agli abiti che non si indossano più, vendendoli a offerta libera per poter offrire un’ulteriore aiuto alle persone in difficoltà che si rivolgono alla Caritas. 
 

< Articolo precedente Articolo successivo >