Venerdý 22 Gennaio22:40:04
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Mareggiata, l'acqua fino agli stabilimenti: ruspe subito per ricostruire la duna di sabbia

Palazzi: "Abbiamo ottenuto dalla Regione un intervento lampo per garantire la sicurezza. Ma l'urgenza è il maxi ripascimento"

Attualità Riccione | 16:21 - 09 Dicembre 2020 Lavori per ricostruire la duna di sabbia Lavori per ricostruire la duna di sabbia.


Da oggi (mercoledì 9 dicembre) è partito l'intervento di ricostruzione della duna di sabbia lungo il litorale sud di Riccione. Un intervento a carico della Regione come richiesto dall'assessore al Demanio del Comune di Riccione, Andrea Dionigi Palazzi, che si è reso indispensabile dopo le mareggiate degli ultimi giorni che hanno portato l'acqua del mare a lambire le strutture degli stabilimenti. Da sempre, la duna invernale, che è alta tra i due e i tre metri a seconda delle zone, ha un duplice scopo: quello di proteggere la città e l'abitato dall'ingressione marina in caso di burrasca e tutelare la sabbia che poi servirà per il ripascimento dell'arenile in primavera.

"Il problema è che l'ultimo maxi ripascimento a carico della Regione risale al 2016 - ha detto l'assessore Palazzi - di conseguenza il mare rischia di invadere non solo la spiaggia e gli stabilimenti ma anche l'abitato. Le dune infatti sono a protezione dell'abitato e quindi è importante che da questo pomeriggio la Regione provveda, con fondi regionali, a riposizionare la duna che è stata completamente portata via dal mare".



 

< Articolo precedente Articolo successivo >