Luned́ 18 Gennaio14:15:36
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Anche Poggio Torriana accende il suo natale con un nuovo presepe

A cura dell'artista Manolo Benvenuti, sostituisce il presepe di pane

Attualità Poggio Torriana | 10:48 - 09 Dicembre 2020 Uno scorcio del presepe al mulino di Poggio Torriana per il natale Uno scorcio del presepe al mulino di Poggio Torriana per il natale.

 
Da nove anni a questa parte il tradizionale presepe di pane allestito negli spazi dell’antico Mulino Sapignoli, con il contributo dell’associazione di volontari “Gli Amici del Mulino Sapignoli” e il forno Zanni di Poggio Torriana, rappresenta un punto cardine della mission culturale dell’amministrazione e rientra anche nelle azioni del Piano dell’offerta formativa che tutti gli anni vengono sottoposte alle direzioni didattiche con il coinvolgimento degli alunni della scuole del territorio.

Le singole edizioni hanno contribuito ad impreziosire un luogo già carico di valenze simboliche in quanto incontro di mondi distinti ma integrati tra di loro, quali quello rurale e quello della tecnica, il “maschile” del grano e il “femminile” dell’acqua.

In questa edizione per la prima volta dalla sua costituzione, a causa delle limitazioni imposte dall’emergenza sanitaria in corso, il progetto affidato all’artista santarcangiolese Manolo Benvenuti sarà un’installazione luminosa allestita all’esterno della struttura, ma non sarà l’esito finale del laboratorio che tutti gli anni portava gli artisti con il proprio progetto a confrontarsi con l’estro e l’abilità dei loro piccoli collaboratori.

L’assessora all’istruzione Francesca Macchitella spiega: « Dall'8 dicembre è possibile ammirare il nuovo progetto dedicato al natale e pensato in particolare ai bambini e alle bambine di Poggio Torriana, valorizzando un luogo già magico come il Mulino Sapignoli. Per l’amministrazione comunale sostenere e promuovere questa bella iniziativa rappresenta un modo di concludere simbolicamente insieme questo anno difficile. Spero che « Illuminati » possa far sognare almeno per un momento tutte le persone, grandi e piccoli, condividendo qualche istante di poesia, un modo speciale per resistere, per vivere la meraviglia del Natale e sentirsi meno soli. Sarà un Natale diverso, più sobrio, ma ciò non significa che non possa essere sereno, nel pieno rispetto dei divieti nazionali a contrasto del covid19».