Marted́ 19 Gennaio00:40:55
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Recinzione anti spaccio in uno stabile abbandonato in zona Lagomaggio

Il tutto a seguito di raccolte firme dei residenti per dire no a degrado e spaccio a 50 metri dall'asilo

Attualità Rimini | 19:00 - 03 Dicembre 2020 La recinzione "anti spaccio" installata nel porticato dello stabile abbandonato La recinzione "anti spaccio" installata nel porticato dello stabile abbandonato.


Una "gabbia" di metallo installata nel porticato di uno stabile abbandonato, un piccolo spazio che però era utilizzato come luogo di bivacco anche da parte di spacciatori. Le forze dell'ordine sono intervenute a Rimini in zona Lagomaggio, nei pressi del supermercato Conad City, per far interdire definitivamente l'accesso alla piccola area, raccogliendo le segnalazioni dei residenti in zona, che hanno anche avviato una raccolta firme, con diverse migliaia di adesioni, presentata all'amministrazione comunale di Rimini. «E' da diversi anni che segnalavamo il problema, le forze dell'ordine hanno monitorato la situazione, ma gli sgomberi purtroppo non funzionavano, perché poi l'area veniva nuovamente occupata», spiega uno dei residenti. A cinquanta metri dall'asilo si assisteva così a scene di degrado: «Persone che facevano i bisogni nel prato, che si drogavano, spaccio; poi avevano fatto un fortino, con protezioni in legno, si erano impossessati dell'area. E di notte spesso venivamo svegliati dalle urla degli spacciatori», spiega il cittadino riminese, tra le persone che hanno aderito alla raccolta firme. «Ringraziamo le forze dell'ordine e nel contempo registriamo con soddisfazione i risultati della nostra raccolta firme. Come si dice, l'unione fa la forza e il gruppo vince anche il degrado», commenta con soddisfazione.