Domenica 17 Gennaio03:39:52
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Parco del mare a Rimini Nord con passaggio di auto in inverno? L'interrogazione per chiarire

C'è stata anche una raccolta firme per chiedere l'aderenza al progetto esecutivo approvato

Attualità Rimini | 10:55 - 03 Dicembre 2020 Un tratto del nuovo Parco del mare a Torre Pedrera Un tratto del nuovo Parco del mare a Torre Pedrera.


Quando la cittadinanza chiama, il consigliere risponde. Stavolta tocca a Nicola Marcello rinforzare le preoccupazioni raccolte dai residenti di Viserba a Rimini tramite una raccolta firme di fronte al timore che lungo le vie Milano, Comacchio, Piacenza e Bologna, dove è in fase di costruzione il Parco del mare nord, venga autorizzata la parziale carrabilità invernale. Una "deroga" al progetto esecutivo che non è piaciuta ai residenti, i quali hanno voluto ricordare all'amministrazione che «un'isola pedonale è fatta per far passare i pedoni e le vetture autorizzate. Soluzioni diverse, come il transito parziale nel periodo invernale, andavano discusse tre anni fa con la cittadinanza», sottolinea il consigliere con delega ai lavori pubblici, «perché se le intenzioni dell’amministrazione fossero state di far transitare le auto in inverno, il progetto e l’intervento non avrebbero avuto le caratteristiche e le tipologie di quello realizzato, che è oggettivamente incompatibile a supportare un flusso costante di auto». Basta vedere cosa sta accadendo a Torre Pedrera: «Pavimenti già rotti al primo passare costante di veicoli. E se tre anni fa nel corso dei dibattiti qualche amministratore si è speso blandendo le intemperanze di chi avrebbe voluto il transito delle auto, è stato poco coerente con le scelte poi attuate e concordate. Chiedo pertanto piena garanzia che l’intervento di completamento sia quello presentato alla cittadinanza viserbese e poi  inserito nel progetto preliminare, definitivo, ed esecutivo, quindi che non venga modificata la prevista chiusura al transito veicolare del tratto finale lato mare delle vie Milano, Comacchio e Piacenza e che vengano realizzate in tale posizione, nelle intersezioni con il lungomare Dati e come da progetto esecutivo,  “le tre aree-piazzole di arredo urbano” con inibizione del transito veicolare».