Luned́ 25 Gennaio18:27:34
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Covid: 'sprofondo rosso' per tour operator e agenzie di viaggio. Fatturato crollato, -90%

L'appello di Confcommercio Rimini: "ristori insufficienti"

Attualità Rimini | 14:54 - 02 Dicembre 2020 Gianni Indino presidente di Confcommercio Rimini Gianni Indino presidente di Confcommercio Rimini.

Confcommercio Rimini lancia l'allarme per l'insufficienza dei ristori a favore delle agenzie di viaggio e dei tour operator, che con l'azzeramento del turismo hanno visto crollare a zero il proprio fatturato. Per il 2020 si conta un calo del fatturato quantificabile nel -90% per i tour operator, spiega Giovannino Montanari di Montanari Tour, noto tour operator di Rimini attivo da 44 anni. «Solo per il periodo di Natale avevamo già in programma 50 viaggi su Rimini con caparre già incassate che abbiamo dovuto restituire», spiega. «Apprezziamo lo sforzo della Regione, che ha aumentato il fondo regionale a disposizione per la categoria, ma la cifra resta inadatta ad avere un impatto incisivo sul comparto», commenta il presidente Confcommercio Rimini, Gianni Indino. Il rischio è che «questo patrimonio di professionalità e di competenze rischia di andare disperso, con ricadute su tutto il tessuto economico, in particolar modo quello di destinazioni turistiche internazionali come la nostra». Altro settore in forte crisi è quello dei bus turistici, fermi da mesi per la totale mancanza di turismo e di gite scolastiche. I codici Ateco tagliano fuori dai ristori chi si occupa di trasporto su tratte fisse: tuttavia i bus privati potrebbero essere utilizzati per il trasporto scolastico, affiancando i mezzi pubblici, in previsione della possibile riapertura delle scuole superiori a gennaio ed evitando così pericolosi affollamenti. 

< Articolo precedente Articolo successivo >